rotate-mobile
Cronaca Quarto Oggiaro / Via Cesare Pascarella

Omicidio fratelli Tatone, c'è un sospettato

Sarebbe stato fermato il possibile killer dei fratelli Emanuele e Pasquale Tatone, freddati a qualche giorno di distanza nel quartiere di Quarto Oggiaro

Ci sarebbe una svolta nell'omicidio dei fratelli Emanuele e Pasquale Tatone. Gli investigatori stanno sentendo alcune persone vicine al clan, tra cui anche un altro fratello, Nicola, detenuto in carcere. Ma avrebbero anche già fermato un sospettato che, secondo quanto riportano alcune fonti, è legato al clan Crisafulli. Un uomo uscito dal carcere da poco, dopo circa vent'anni, che si sarebbe subito rimesso in affari con i Tatone o almeno con Emanuele.

Quanto al movente, è appunto da ricercarsi nell'ambito dello spaccio di stupefacenti. Uno sgarro, un mancato pagamento, un litigio finito male: qualcosa del genere. Questo per l'omicidio di Emanuele, domenica pomeriggio. Quanto all'omicidio di Pasquale, invece, secondo i "bene informati" è possibile che lui sapesse perfettamente chi aveva ucciso il fratello e dunque sia stato freddato per prevenire una rappresaglia. Di certo Pasquale non si aspettava che venissero a colpirlo lì, davanti alla pizzeria Rim. Era solo e disarmato.

Omicidio Pasquale Tatone

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio fratelli Tatone, c'è un sospettato

MilanoToday è in caricamento