Presunto killer del carabiniere bendato, gli avvocati di Milano: 'Benvenuti a Guantanamo'

La camera penale non usa mezzi termini per commentare il caso dell'americano arrestato

Il giovane bendato e ammanettato - Foto RomaToday

"Guantanamo, Italia". È il succo del commento, duro, arrivato dalla camera penale di Milano alla foto, ormai famosa, che ritrae Natale Hjorth - uno dei due americani arrestati per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega a Roma, seduto su una sedia in caserma davanti a un pc, con una benda grigia che gli copre gli occhi, le manette ai polsi e le braccia dietro la schiena.

Nel loro comunicato gli avvocati meneghini non fanno troppi giri di parole e parlano apertamente di "tortura". "La confessione è la regina delle prove, così scriveva Mario Pagano nei Principi del Diritto Penale e Logica dei Probabili; ed è vero, o quasi, almeno in un sistema penale moderno e garantito: nel nostro, già la codificazione di regime, sebbene improntata al modello inquisitorio, ne postulava limiti di utilizzo illustrati plasticamente dalla previsione del delitto di autocalunnia a presidio delle confessioni false, interessate o estorte. Da qui - le parole dei penalisti - l’esigenza che l’ammissione del fatto reato sia sottoposta ad una verifica di credibilità, coerenza interna, spontaneità".

"Un Paese che dovrebbe essere di diritto"

"E se è vero, come è vero, che cautela ancor maggiore deve imporsi allorquando la confessione attenga non solo il fatto proprio, ma anche quello altrui ecco che sgomenta il trattamento riservato ad almeno uno dei giovani arrestati poiché sospetti di essere gli autori dell’omicidio di un carabiniere a Roma. Il fermato, che ha reso spontanee dichiarazioni ammissive, in assenza del difensore, ritenute – evidentemente – utili per la immediata prosecuzione delle indagini, è apparso bendato e ammanettato, con i polsi dietro la schiena, negli uffici dell’Arma dove era stato condotto", ricostruiscono gli avvocati.

Quindi ecco l'attacco, con la camera penale che parla di "un metodo di forte coartazione psicologica" come quello di "mettere una persona nelle condizioni di perdere cognizione dello spazio, di quanto accade intorno a lui, nel timore, non irragionevole, di essere destinatario, nella immediatezza, di atti violenza, senza la possibilità di capire quali, da parte di chi e di non potersi proteggere almeno utilizzando le braccia a mo’ di scudo. Il tutto - continuano gli avvocati - senza un motivo plausibile che non sia quello che sembra: fiaccare la resistenza e con ciò inducendo la rinuncia al diritto al silenzio".

"Un sistema di tortura"

"Un sistema di tortura, forse, fuori dallo schema legale che non sappiamo con esattezza per quanto si sia protratto, né in occasione di quali accadimenti: prima, durante o dopo la verbalizzazione delle 'spontanee' dichiarazioni; uno spettacolo che non avremmo voluto vedere neppure 'al lordo' del dolore e della concitazione degli operanti dopo l’omicidio di un collega, che non fa onore all’Arma – i cui vertici hanno immediatamente preso le distanze dagli autori promuovendo iniziative penali e disciplinari – che potrebbe persino portare alla inutilizzabilità degli atti investigativi, che non aiuta il corso della giustizia e non illustra l’immagine di un Paese che dovrebbe essere di diritto", sottolineano i penalisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un sistema di tortura, perché altrimenti non può definirsi un trattamento atto a disorientare chi vi è sottoposto, raffinato, volto ad aggirare la legge penale e rozzo allo stesso tempo che richiama alla memoria le gesta del temibile Ufficio Affari Riservati - ribadisce la camera penale -. Qualcosa che, a prescindere se chi ha subito tutto ciò sia o meno responsabile di un fatto di sangue, non avremmo voluto che accadesse, non da noi, che non vorremmo mai che fosse solo la punta di un iceberg, per non scoprire con orrore di esserci risvegliati in un luogo dove non vorremmo essere e sentirci dire: benvenuti a Guantanamo, Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'odissea sul Ryanair: imbarco negato con il biglietto e ragazzo 'abbandonato' in aeroporto

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Omicidio in via Trilussa a Milano, sale dal vicino nel cuore della notte e lo uccide

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

Torna su
MilanoToday è in caricamento