Omicidio a Cernusco: arrestato il compagno di Gabriella, la donna trovata morta in una cava

Insieme a Mario Marcone, che ha confessato, è stato arrestato un suo amico. Il punto

La donna uccisa

"L'amore è bello solo se vero amore". Scriveva così sulla propria pagina Facebook Gabriella Fabbiano, la donna di quarantatré anni uccisa con un colpo di pistola e poi gettata in una cava a Cernusco Sul Naviglio. Ma sarebbe stato proprio il 'suo amore' - ossia l'ultimo compagno, Mario Marcone - ad ucciderla in preda ad una crisi di gelosia. L'uomo, un operatore ecologico residente a Pioltello, ha confessato dopo l'arresto, avvenuto nella serata di mercoledì.

I carabinieri del Nucleo investigativo di Monza, con quelli di Cassano d’Adda, coordinati dal procuratore aggiunto Alberto Nobili e dal sostituto procuratore Francesco Cajani, hanno eseguito il fermo di indiziato di delitto.

A dare agli investigatori la certezza che le prime ipotesi fossero vere, sono stati gli esiti degli accertamenti dei Ris di Parma. Dopo un'attenta analisi dell'auto di Marcone, i militari del Ris hanno individuato all’interno alcune tracce ematiche. Il successivo sopralluogo nella sua abitazione ha consentito di evidenziare ulteriori tracce di sangue - "inconfutabilmente riconducibili alla vittima" - nella camera da letto.  

VIDEO | CARABINIERI INCASTRANO MARCONE

VIDEO_MARCONE

Incastrato, Marcone ha ammesso le proprie responsabilità nel corso dell’interrogatorio davanti al pm titolare delle indagini ed al proprio legale. Stando al suo racconto, Gabriella - che aveva un matrimonio finito alle spalle e due figli - è stata ammazzata il trenta novembre, all'interno della propria abitazione. Dopo una pesante lite, l'uomo le ha sparato un colpo di pistola letale in testa. Il cadavere della donna è rimasto lì e solo alcuni giorni dopo è stato occultato. 

Per disfarsi della salma della 'povera' vittima, Marcone avrebbe coinvolto un amico: Fabrizio Antonazzo, un sessantenne di Cernusco. Effettivamente, fin dalle prime battute, per i carabinieri della stazione di Cernusco il trasporto del cadavere - che era avvolto nel cellophane e legato a dei masselli di cemento per evitare che tornasse a galla - non poteva essere stato opera di una sola persona.

Ora Marcone - che in passato era stato due anni in carcere per aver cercato di investire con l'auto la propria ex - è indiziato di delitto per omicidio, concorso in porto illegale d’arma da fuoco e concorso in soppressione di cadavere. Le accuse per Antonazzo - escluso l'omicidio - sono le stesse, oltre il favoreggiamento personale. Giustizia sembra fatta per Gabriella, tristemente condannata a morte da un amore "falso" e "imbruttito". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Milano, esplosione in un palazzo di piazzale Libia: crolli nelle case e feriti. Grave un 30enne

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento