Uccise a coltellate l'ex fidanzata in casa: condannato a sedici anni

L'uomo ha scelto il rito abbreviato. I due si erano lasciati da poco

Deborah Fuso (Fb)

Uccise l'ex fidanzata a colpi di coltello durante un litigio in casa: ora è stato condannato a sedici anni di reclusione con rito abbreviato. Per lui il pubblico ministero aveva chiesto trent'anni di carcere. La sentenza è del tribunale di Busto Arsizio. I fatti a Magnago, in provincia di Milano, nel mese di maggio del 2016. 

L'omicidio

Protagonisti Arturo Saraceno, trentatré anni, e Debora Fuso, venticinque. Quel giorno, il 17 maggio, i due si erano dati appuntamento nella casa di via Cardinal Ferrari dove convivevano da qualche anno, anche se lei aveva da poco deciso di troncare la relazione e tornare a casa dei genitori, a Lonate Pozzolo (Varese). 

L'incontro si trasformò subito in un violento litigio, durante il quale Saraceno sferrò diverse coltellate alla ragazza per poi scendere lungo l'androne delle scale e cercare di togliersi la vita, sempre con colpi di coltello. Una vicina di casa - sentendo le urla - chiamò i soccorsi: i sanitari del 118 trasportarono lui all'ospedale di Legnano ma non poterono fare niente per la povera Debora. 

Video: accoltellata tra le mura di casa

video_magnago

Interrogato dopo essere stato dimesso dall'ospedale, Saraceno confessò il delitto e spiegò agli investigatori che gli era «partito un embolo» in occasione dell'ennesimo litigio tra i due.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sentenza

Il pm Marica Cardellicchio aveva chiesto la condanna all'ergastolo, diminuita necessariamente a trent'anni di reclusione dopo la scelta del rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena (oppure trent'anni anziché l'ergastolo) in caso di condanna. Tuttavia i giudici hanno deciso di non riconoscere le aggravanti della crudeltà e dell'abuso di ospitalità. Sembra che sia questa la ragione per cui, alla fine, gli anni di condanna sono stati sedici. Disappunto da parte del padre della ragazza, che si è definito «deluso e arrabbiato». Resta ora da vedere se la procura deciderà di ricorrere in Appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento