Cronaca Magnago / Via Cardinal Ferrari

Omicidio Magnago: Arturo Saraceno ha confessato

L'uomo ha confessato di aver ucciso la compagna Deborah Fuso. L'aggressione letale è avvenuta martedì pomeriggio nella loro abitazione di via Cardinal Ferrari a Magnago

Ha confessato Arturo Saraceno, il 33enne arrestato martedì dai carabinieri dopo aver ucciso la fidanzata Deborah Fuso nella loro abitazione di via Cardinal Ferrari a Magnago. «Lei era qui per un chiarimento, abbiamo litigato per l'ennesima volta e mi é partito un embolo». Queste le parole del 33enne agli inquirenti che o hanno ascoltato per oltre sei ore a Legnano (Milano) dopo che era stato dimesso dall'ospedale cittadino dove era arrivato con ferite di arma da taglio al petto che si era procurato da solo.

video_magnago

L'omicidio si è consumato nella palazzina di via Cardinal Ferrari dove abitava la coppia. Quando i militari — allertati da una vicina di casa — sono arrivati hanno trovato la 25enne in un lago di sangue, martoriata da numerose coltellate. Poco distante l'ex fidanzato che fino a qualche settimana fa era il suo compagno. I due, infatti, si erano lasciati ad aprile dopo un lungo tira e molla durato sei anni. 

I vicini di casa parlano di una coppia normale e riservata: nessuno li conosceva in paese. Non si sarebbe mai verificato nessun violento litigio prima di ieri, anche se il loro rapporto era in crisi da diverso tempo. 

Procura e carabinieri hanno richiesto test alcolemici e tossicologici su Saraceno, nonostante non vi fossero elementi per pensare che il giovane fosse in stato di alterazione al momento dell'omicidio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Magnago: Arturo Saraceno ha confessato

MilanoToday è in caricamento