Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Via Milano

Omicidio Passiatore: da un'intercettazione la verità sul caso irrisolto

La donna di Cinisello venne rapita nel 1977 mentre era in vacanza in Calabria

Nuova luce sull'omicidio di Mariangela Passiatore, la donna di Cinisello Balsamo rapita il 28 agosto 1977 a Brancaleone (in Calabria) mentre era in vacanza e portata in Aspromonte. L'omicidio è rimasto insoluto: cinque persone vennero arrestate e processate ma finirono assolte. Ora si scoprono nuovi particolari nell'ambito di una indagine ("Platino", del 2014) condotta dai carabinieri di Milano. 

I carabinieri hanno in mano un'intercettazione ambientale tra l'ex boss della 'ndrangheta Michele Grillo e l'amico Luciano Scarinci. Grillo racconta che si era recato a comprare alcuni farmaci per la donna, che soffriva di ulcera ed esaurimento nervoso, e aveva incontrato "tre paesani", che gli avevano chiesto a che cosa servissero le medicine. Poi, tornando nella "prigione", sempre Grillo racconta di avere sorpreso quei tre mentre stupravano la donna. "L'hanno uccisa a bastonate in testa", dice Grillo al conoscente. 

Passiatore era la moglie dell'industriale Sergio Paoletti, titolare della "Lp Italiana" di Milano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Passiatore: da un'intercettazione la verità sul caso irrisolto

MilanoToday è in caricamento