Edgar, buttato nel Lambro e ucciso: condannati due pandilleros del Barrio 18

I due sono stati condannati per omicidio preterintenzionale a 14 anni e 11 anni e otto mesi di carcere

Edgar Luis Calderon Gonzalez

Due sentenze, oltre 25 anni di reclusione. Sono stati condannati per omicidio preterintenzionale i due pandilleros del Barrio 18 che a giugno 2019 erano stati fermati per l'omicidio di Edgar Luis Calderon Gonzalez, 32enne peruviano che il 2 giugno sera era stato rapinato, pestato a sangue e buttato nel Lambro al termine di una grigliata al parco.

Nella giornata di lunedì 3 febbraio il gup del tribunale di Milano, Anna Magelli, al termine del processo svoltosi con rito abbreviato ha condannato i due salvadoregni a a 14 anni e 11 anni e otto mesi di carcere. Il pm Sergio Spadaro aveva chiesto 16 anni di carcere a entrambi.

L'omicidio al Parco Lambro

L’omicidio — secondo quanto ricostruito dagli investigatori — non era maturato nell’ambito di uno scontro tra gang, ma era arrivato al termine di un tentativo di rapina. Edgar e due suoi amici erano stati fermati in via Feltre, all'uscita del parco Lambro, e il 32enne era stato minacciato con un coltello. L'uomo aveva reagito e a quel punto era stato massacrato di botte e buttato nel fiume, dove - stando ai risultati dell'autopsia - era morto per annegamento, probabilmente perché stordito dai colpi e senza la forza di mettersi in salvo.

Le indagini della questura

Il lavoro degli investigatori della Omicidi era partito da un frame di una telecamera di sorveglianza, che aveva ripreso i due aggressori mentre salivano a bordo di una Toyota Yaris ultimo modello. Gli agenti avevano quindi analizzato le oltre 5mila targhe che potevano in qualche modo corrispondere alla vettura e sono arrivati al più giovane dei salvadoregni, che ha alle spalle un tentato omicidio di quando era ancora minorenne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intestatario di quella macchina, infatti, era proprio lui, che lo scorso 5 giugno - tre giorni dopo l'omicidio - era già finito in Questura perché fermato durante una rissa tra 15 persone al parco della Martesana prima di essere rilasciato perché l'indagine era ancora in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento