menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alfredo Famoso, il tassista ucciso

Alfredo Famoso, il tassista ucciso

Tassista ucciso per mancata precedenza: dieci anni al colpevole

La sentenza, con l'accusa di omicidio preterintenzionale

Uccise il tassista Alfredo Famoso colpendolo con una confezione di bottiglie d'acqua: Davide Guglielmo Righi è stato condannato a dieci anni di reclusione per omicidio preterintenzionale, il minimo della pena per questo reato. La sentenza è arrivata nel pomeriggio di mercoledì 19 novembre. Il fatto risale al 14 febbraio in via Morgagni quando il tassista non si era fermato per far passare - sulle strisce pedonali - Righi e la compagna incinta di sette mesi.

I giudici non hanno riconosciuto né le aggravanti (futili motivi e recidiva, per i precedenti di Righi) né le attenuanti (generiche e della provocazione). Righi è stato condannato anche a pagare 100 mila euro di provvisionale alla moglie di Famoso, 80 mila euro a testa ai due figli e 30 mila euro a testa ai fratelli.

Il pm aveva chiesto 13 anni. La difesa aveva chiesto l'eccesso colposo di legittima difesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento