Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Uccise una trans nel suo appartamento: chiesta condanna a 20 anni

Al processo con rito abbreviato

A febbraio 2018 uccise la transessuale peruviana Carlos Cardenas Gutierrez a Cinisello Balsamo, nel quartiere Crocetta, utilizzando una penna pistola potenziata e dotata di silenziatore. Ora è a processo con rito abbreviato e per lui il pm Vincenzo Fiorillo ha chiesto la condanna a vent'anni di reclusione. 

Il video che incastra l'arrestato

L'uomo, Giovanni Amato, 43enne, è netturbino dell'Amsa e vive a Segrate. Fu arrestato nella notte tra il 3 e il 4 febbraio, ma non per l'omicidio di Gutierrez bensì per una tentata rapina a un ristorante cinese durante la quale lui e il complice vennero feriti a coltellate dai titolari del locale. Dopo diversi mesi di indagini i carabinieri gli attribuirono anche l'omicidio di Gutierrez. L'arma utilizzata, la penna pistola, era la stessa nei due episodi. 

Le indagini sull'omicidio furono complesse. Gutierrez (che viveva con una coinquilina) si prostituiva in viale Fulvio Testi. Le telecamere di zona avevano inquadrato una Fiat Punto guidata da un uomo "abbordare" la vittima e poi i due mentre salivano in casa; poco dopo, le stesse immagini mostravano lui uscire da solo e allontanarsi con l'auto. Che, tra l'altro, aveva alcuni "segni di riconoscimento": un faro faceva molta più luce dell'altro e c'era una vistosa banda laterale lungo la fiancata.

I carabinieri del Ris nel frattempo avevano isolato un'impronta in una bottiglia trovata a casa della vittima. Impronta corrispondente con quella di Amato. E la penna pistola era stata abbandonata al ristorante cinese teatro della tentata rapina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise una trans nel suo appartamento: chiesta condanna a 20 anni

MilanoToday è in caricamento