rotate-mobile
Cronaca Lorenteggio / Via Francesco Primaticcio

Omicidio piazza Tripoli: il venditore di tappeti che "era un signore"

Modi garbati e gentili, conosciutissimo nel quartiere, Parviz è stato colpito da un oggetto alla testa

L'uomo trovato morto giovedì notte a MilanoGorijan Parviz, era uno stimato venditore di tappeti iraniano. 

79 anni, benestante, viveva con la famiglia in Italia da decenni. Secondo quanto raccontato dal comando dei carabinieri di via Moscova, da qualche tempo aveva chiuso il negozio principale e lavorava poche ore al giorno in un magazzino di piazza Tripoli, dove faceva ancora affari con qualche cliente di fiducia. Aveva mantenuta aperta la partita Iva. 

E' stata la moglie, intorno alle 21.30, a chiamare il figlio insospettita dal mancato ritorno dell'uomo a casa, in via Primaticcio. Di solito tornava sempre presto. Insieme a un nipote si sono recati nel locale, e i tre l'hanno trovato disteso a terra senza vita, colpito con un corpo contundente alla testa, colpo che gli è stato fatale. 

Sui gradini di entrata al locale c'erano tracce di sangue. Probabile una colluttazione, secondo i carabinieri. Nello stabile non vi era grossa disponibilità di denaro, solo documenti. Si battono tutte le piste investigative, dalla rapina al 'regolamento di conti'. 

L'uomo era molto conosciuto nel quartiere. Descritto come "un vero signore", aveva, secondo le testimonianze, "modi gentili e garbati". 

Omicido in piazza Tripoli © Mesa Paniagua/MilanoToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio piazza Tripoli: il venditore di tappeti che "era un signore"

MilanoToday è in caricamento