Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca via bisnati

Omicidio di via Bisnati, trovato morto in auto: assolta prostituta

La giovane era accusata di omicidio volontario. Il pm aveva chiesto per lei 15 anni di carcere. Era stata arrestata un anno dopo il fatto

Prostituta assolta da accusa di omicidio

Assolta una prostituta albanese, accusata di avere ucciso un cliente dopo un rapporto sessuale la notte tra il 21 e il 22 giugno 2012. Il pm aveva chiesto 15 anni di carcere per lei, F.L., di 22 anni. La giovane era stata arrestata nel mese di giugno del 2013.

La mattina del 22 giugno 2012 Salvatore Cercabene, di 44 anni, era stato trovato morto in via Bisnati (periferia nord) dentro la sua automobile. I carabinieri avevano trovato scarpe da donna nell'abitacolo. Il medico legale aveva escluso qualsiasi consumo di sostanze (farmaci, alcol o droga) e anche una morte naturale, perché aveva trovato sul collo del cadavere segni compatibili con uno strangolamento e diverse contusioni in altre parti.

Gli investigatori avevano individuato F.L., che lavorava lungo viale Enrico Fermi e che, dalle analisi del dna, risultava sul luogo del delitto. Le immagini di videosorveglianza della zona avevano permesso di vedere una giovane prostituta fuggire nuda quella notte. La giovane, in quell'arco di tempo, si era recata in patria e aveva cambiato nome per poi tornare in Italia. Era accusata di omicidio volontario, ma ora è stata assolta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di via Bisnati, trovato morto in auto: assolta prostituta

MilanoToday è in caricamento