menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il luogo dell'omicidio (foto Mesa Paniagua)

Omicidio in via Ramazzini: il sangue trovato era di un soccorritore

Il sangue trovato nel palazzo dove abitava Nicoletta Figini, la vedova di 55 anni uccisa tra giovedì e venerdì nel suo appartamento a Milano appartiene ad un soccorritore

Il sangue trovato nel palazzo dove abitava Nicoletta Figini, la vedova di 55 anni uccisa tra giovedì e venerdì nel suo appartamento a Milano, non appartiene né alla vittima, né all'assassino, bensì a uno dei paramedici incaricati di portare via il cadavere e che si era ferito arrivando sul posto.

A dirlo è il capo della Squadra Mobile, Alessandro Giuliano, che ha inoltre spiegato di non credere allo scenario della messinscena come ipotizzato da alcuni quotidiani.

Precisazione anche in merito alla droga trovata a casa della Figini all'interno di boccette: non cocaina ma eroina liquida. 

Giuliano ha precisato che non ci sono elementi per propendere per lo scenario della messinscena piuttosto che per altre ricostruzioni e che, al momento, nessuna pista può ancora essere esclusa. Dunque restano al momento in piedi tutte le ipotesi fatte finora.

Uno dei pochi dati certi è che la vittima è rientrata a casa attorno alle 22.30 di giovedì da sola, come confermato da un inquilino che ha raccontato di averle tenuto aperto il portone per farla entrare.

Intanto, le indagini hanno iniziato a toccare con mano la condizione economica della Figini, i cui conti correnti (quelli verificati) descrivono una situazione piuttosto florida, sebbene non da milionaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Isolata in Lombardia una nuova (e rarissima) variante di covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento