menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vittima e il suo fidanzato

La vittima e il suo fidanzato

Parte un colpo di pistola "per sbaglio": una studentessa 21enne uccisa dal suo fidanzato

La vittima studiava alla Cattolica di Milano. La ricostruzione è al vaglio dei carabinieri

Avrebbe trovato la pistola del suo fidanzato in un cassetto in camera. Così, l'avrebbe presa e gliel'avrebbe passata, chiedendogli di toglierla da lì. Ma proprio in quell'istante, sembrerebbe per un tragico errore, è partito un colpo, che l'ha uccisa all'istante. 

Sarebbe morta così, secondo i primissimi accertamenti, Alessandra Cornago, ventunenne di Ponteranica e studentessa all'università Cattolica di Milano. A ucciderla sarebbe stato il suo fidanzato, Denis Zeni, un coetaneo ex guardia giurata.

Teatro di quella che per ora ha tutti i contorni di una drammatica fatalità è stata la casa del giovane: un appartamento in via dei Mille a Villa d'Almè, nella Bergamasca, dove il ragazzo vive insieme a suo padre, ex carabiniere, e a sua madre. 

Tutto è succeso poco dopo le 19 di mercoledì sera. Alessandra e Denis - che per sei mesi è stato in servizio come guardia giurata alla Fidelitas prima di decidere di cambiare lavoro - erano al computer nella camera di lui per prenotare una vacanza da fare nei prossimi mesi. La vittima, forse cercando dei documenti, avrebbe trovato l'arma - che il ventunenne deteneva legalmente - e l'avrebbe data al fidanzato per fargliela spostare. In quel momento, per sbaglio, sarebbe partito un proiettile - da una distanza ravvicinatissima - che ha colpito in pieno la ragazza, che è morta poco dopo nonostante il tempestivo intervento del 118. 

Nell'appartamento della famiglia Zeni sono immediatamente intervenuti i carabinieri e il pm di turno, Maria Cristina Rota, che hanno setacciato ogni palmo della scena del crimine. Da chiarire, più di ogni altro aspetto, perché l'arma avesse un colpo in canna e fosse senza sicura. 

Poco dopo le 22, Denis - ancora sotto shock - è stato portato in caserma e ascoltato a lungo dagli investigatori. A loro, stando a quanto è filtrato, avrebbe ripetuto più e più volte che è stato tutto un tragico caso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento