rotate-mobile
Omicidi San Siro / Piazza Monte Falterona

Sparatoria di San Siro, arrestato pregiudicato: vendetta per una canzone

In manette Carlo Testa, noto pregiudicato di via Fleming. Voleva uccidere il rapper

La squadra mobile di Milano, diretta da Marco Calì, ha identificato e arrestato l'uomo responsabile della sparatoria di piazza Monte Falterona, a San Siro, avvenuta la sera dell'8 gennaio 2022. Sulle prime si era parlato di un probabile regolamento di conti per questioni di droga ed invece la ragione è un 'dissing', come si dice nel gergo del rap, quando qualcuno, in una canzone, parla male di qualcun altro o lo sfida.

L'uomo arrestato è il 51enne Carlo Testa, ex 'ras' di via Fleming, pluripregiudicato. Era 'finito' nei versi di una canzone di Kappa 24K, nome d'arte del 32enne Islam Abdel Karim, genitori egiziani e una vita a San Siro. A Testa non è andato giù che il cantante lo avese citato in un modo non proprio tenero: "Non fare troppo il gangsta, finisci con tre buchi in testa". Scoperto dalla polizia nell'appartamento di un amico (si era volatilizzato da quello della compagna), ora risponde di tentato omicidio con l'aggravante dei motivi abietti.

Stando alle indagini, quel pomeriggio vi sarebbe stata una chiamata o una videochiamata, con il rapper che urlava "venite qui, vi sparo in faccia", e, un paio d'ore dopo, Testa e due complici sono arrivati davvero in piazza Falterona a bordo di un'auto ripresa dalle telecamere di sorveglianza della zona. Poi la sparatoria (qualcuno avrebbe anche risposto al fuoco), la fuga e i cambi d'alloggio: Testa avrebbe anche preannunciato alla compagna l'intenzione di costituirsi.

Ma non lo ha fatto, anzi è andato a nascondersi prima da un amico e poi da un altro. Intanto, intercettato, il 'giro' del rapper pensava alla vendetta e, probabilmente, stava già incominciando a cercare il pregiudicato. Che alla fine è stato invece individuato dalla polizia. Carlo Testa, nel 1996, fu coinvolto nell'inchiesta sull'omicidio di Rocco Lo Faro, figlio naturale del boss Salvatore Morabito, in una discoteca milanese, insieme ad altre persone del quartiere tra via Forze Armate e via Fleming. In quell'occasione fu prosciolto in appello dopo la condanna a trent'anni di reclusione in primo grado. Successivamente è stato coinvolto in varie vicende di droga e criminalità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria di San Siro, arrestato pregiudicato: vendetta per una canzone

MilanoToday è in caricamento