rotate-mobile
Omicidi Cisliano / Via Mameli

Cisliano, donna uccide la figlia di 2 anni e chiama l'ex marito: "Tua figlia non esiste più"

Il dramma nella notte. L'allarme scattato all'1.06. Morta una bimba di 2 anni, la mamma ferita

Avrebbe ucciso sua figlia, la sua bimba di 2 anni. Poi avrebbe telefonato all'ex compagno per dirgli che la piccola non "esisteva più". Quindi si sarebbe ferita da sola e avrebbe perso i sensi. Orrore nella notte a Cisliano, nel Milanese, dove una donna di 41 anni - Patrizia C., cittadina italiana - ha ucciso sua figlia di due anni, Edith.

L'allarme, stando a quanto finora appreso, è scattato all'1.06, quando un uomo di 44 anni ha telefonato ai carabinieri spiegando di essere stato contattato dalla ex moglie che gli aveva detto, testualmente, che la "figlia non esisteva più". 

I militari hanno così raggiunto l'appartamento della donna, un'abitazione in via Mameli, senza però ricevere risposte dall'interno. A quel punto, i carabinieri hanno forzato una finestra e sono riusciti a fare accesso nella casa, trovandosi davanti una scena raccapricciante. 

La bimba morta in casa

Sul letto c'era il corpo della piccola, ormai esanime, e accanto a lei la mamma - fermata per omicidio in serata -, in stato di incoscienza e con delle ferite da taglio a un braccio. I dottori intervenuti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Da una prima analisi, secondo quanto riferito dai soccorritori, sul corpo della bimba non erano presenti segni evidenti di lesioni. Non è escluso che la bambina sia stata soffocata, ma la verità arriverà soltanto dall'autopsia.

La mamma, che con ogni probabilità si è ferita da sola, è stata invece accompagnata all'ospedale di Magenta, dove si trova piantonata dai militari. La 41enne - che ha altri due figli da un precedente matrimonio - è risultata negativa ai test tossicologici, ma non è stata collaborativa coi militari. Sull'omicidio indagano i carabinieri della compagnia di Abbiategrasso coordinati dal pm di turno della procura di Pavia, Roberto Vincenzo Oreste Valli. 

Denunce e contro denunce

Stando a quanto finora appreso, sembra che la 41enne stesse vivendo un momento di particolare sofferenza legato alla separazione dall'ultimo compagno, proprio il 44enne che ha dato l'allarme nella notte e che era il padre della piccola. 

Pare che in passato, la donna avesse denunciato più volte l'uomo per maltrattamenti - anche se i procedimenti erano stati archiviati - e che lui l'avesse contro querelata per diffamazione. La donna al momento era seguita dal comune di Cisliano perché aveva segnalato lei stessa di avere problemi economici e in passato era stata seguita da uno psicologo. 

Domenica sera, in un messaggio che adesso suona sinistro, la donna aveva scritto un lungo post su Facebook sulle donne e la violenza. In uno dei passaggi aveva detto: "Caro marito vai a denunciami ancora per calunnia e diffamazione. Denunciami ancora per sequestro di minore. Édith è la mia bambina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisliano, donna uccide la figlia di 2 anni e chiama l'ex marito: "Tua figlia non esiste più"

MilanoToday è in caricamento