rotate-mobile
Il fatto

Uomo uccide una donna mentre sono in vacanza in Croazia

I due turisti avrebbero litigato e all'alba di giovedì si sarebbe consumato il delitto

I contorni e il contesto della vicenda sono ancora tutti da chiarire. Di certo c'è soltanto che c'è stato un omicidio: una 40enne ucraina residente da tempo in Italia è stata uccisa da un uomo di 30 anni, lombardo e residente nel Mantovano e non nel Milanese come riferito in un primo momento. Il crimine è avvenuto a Umago, all'interno del villaggio di Zacchigni, durante le vacanze in Croazia della coppia di amici. Inizialmente si credeva fossero marito e moglie ma la donna risulta sposata con un altro uomo, con il quale era solita passare dei periodi di vacanza proprio a Zacchigni.

Secondo le prime ricostruzioni della questura istriana, che indaga per competenza territoriale, i due turisti avrebbero litigato e all'alba di giovedì si sarebbe consumato il delitto. L'abitazione dove la coppia risiedeva era devastata: finestre rotte e arredamento distrutto ma a quanto pare l'omicidio è stato portato a termine senza l'uso di alcun tipo di arma. Per questo la polizia croata procede con cautela ma l'ipotesi della morte violenta, e quindi dell'omicidio, è la principale. 

Il 30enne è stato arrestato, come riporta TriestePrima. Secondo quelle che sono le ipotesi degli inquirenti croati – coordinati dalla Procura di Pola – è sospettato di aver ucciso la vittima in seguito a una violenta lite, che sarebbe andata avanti per quasi tutta la notte. L'omicidio si sarebbe cosumato, però all'alba. Il servizio medico di emergenza di Umago ha avvisato la polizia poco prima delle 5: prima la donna risultava solo ferita. Poche decine di minuti dopo, la donna è morta.

Gli investigatori, oltre al luogo del delitto – un appartamento al primo piano di un immobile con, all'apparenza, almeno due unità abitative –, hanno perquisito anche l'appartamento al piano terra, occupato da una famiglia croata. In più hanno effettuato le stesse operazioni di analisi anche in una casa a breve distanza, dove – secondo i primi riscontri – al primo piano alloggiano marito e moglie sulla sessantina (lui è italiano con accento del Sud). Al piano terra c'è un garage. Tutti gli appartamenti sono stati perquisiti e da quello della vittima e da quello posizionato sotto allo stesso è stato sequestrato del materiale, portato via dalla scientifica.

Aggiornamento (20 agosto)

È Marcello Passera l'uomo arrestato per l'omicidio della 40enne ucraina, Nina Gryshak. Inizialmente si era creduto che i due fossero amici ma le autorità croate hanno ricostruito che tra i due c'era una relazione. Passera, 30 anni, è stato fermato come principale indiziato. Entrambi erano residenti nel mantovano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo uccide una donna mentre sono in vacanza in Croazia

MilanoToday è in caricamento