menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'omicidio di Lidia dopo la lite: "Ti lascio se non curi le dipendenze", e lui l'ha strangolata

Risolto in poche ore il femminicidio dell'attivista per gli animali, dopo la scoperta del corpo

Aveva paventato di lasciarlo. Di interrompere la relazione. Di cacciarlo di casa. Sarebbe questo il motivo per cui il 28enne Alessio Nigro ha ucciso la 49enne Lidia Peschechera nell'abitazione pavese della donna, il 12 febbraio. I due avevano intrecciato da poco una relazione sentimentale, a quanto sembra. Gli inquirenti, ricostruendo le ultime ore di vita della donna, attivista per gli animali famosa in tutta Italia, sono arrivati a lui. 

Secondo la rcostruzione, il 28enne era arrivato a casa della donna, quel giorno terribile, visibilmente ubriaco, senza essersi recato al Serd (servizio dipendenze) dove aveva appuntamento. Per l'ennesima volta, una "possibilità mancata". Che avrebbe quindi tentato "l'arma" della minaccia di interrompere la relazione sentimentale per fargli capire quanto fosse importante iniziare un percorso di cura della dipendenza dall'alcol.

Da lì alla lite il passo è stato breve: il 28enne, come poi ha confessato al magistrato, ripensando a quando viveva in un capannone dalle parti di Rogoredo, ha spinto Lidia (che, dice lui, un attimo prima l'avrebbe colpito sulla schiena) e l'ha fatta cadere dentro la vasca da bagno, poi l'ha stretta intorno al collo fino a non farla respirare più.

L'aiuto alle indagini da vicini e commercianti

Poi l'ha avvolta in un asciugamano ed è rimasto in quella casa per tre giorni, infine ha prelevato dal bancomat di Lidia 190 euro, ha riempito le sue borse, ha portato via la tessera bancomat, i documenti e il cellulare di lei ed è andato all'ostello di via Andrea Doria, a Milano, dove il 18 febbraio è stato rintracciato dai carabinieri pavesi. Fondamentale a questo proposito la collaborazione dei vicini di casa e dei commercianti del quartiere, ben consapevoli della recente frequentazione tra Lidia e il giovane.

Tutto il mondo animalista italiano in questi giorni ha voluto ricordare Lidia e il suo grande impegno per la causa dei diritti degli animali e l'attività di volontariato. Innumerevoli i messaggi di cordoglio sui social network. Diverse fiaccolate e momenti di ricordo collettivo sono stati organizzati in questi giorni per onorare la sua memoria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento