menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'aggressore accompagna l'accoltellato a casa

L'aggressore accompagna l'accoltellato a casa

Milano, 33enne accoltellato al cuore e trovato in fin di vita dal padre: fermato il compagno

L'uomo è stato sottoposto a un fermo per indiziato di delitto per il reato di tentato omicidio

Avrebbe accoltellato al cuore il compagno dopo una lite per motivi sentimentali, poi lo avrebbe abbandonato in fin di vita sul letto del suo appartamento. Condizionale d'obbligo, visto che l'uomo, un pregiudicato italiano di 41 anni, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio e le indagini devono ancora andare a fondo. Intanto di sicuro c'è che il ferito, un 33enne residente a San Giuliano Milanese, è ancora in pericolo di vita.

A ricostruire l'accaduto ci hanno pensato i carabinieri del Comando provinciale di Milano. I militari sono intervenuti nell'appartamento del ferito dopo essere stati avvertiti dal 118, alle 19.30 di lunedì. A chiamare i soccorsi è stato il padre del 33enne, che rientrando a casa si è trovato il figlio moribondo sul letto e con una ferita evidente sul lato sinistro del torace.

Accoltella al cuore il fidanzato dopo una lite: fermato uomo

L'uomo era cosciente ed è stato subito trasportato presso l'ospedale Niguarda di Milano. La lama, secondo quanto indicato dal personale sanitario, gli ha provocato la lacerazione della parete anteriore del ventricolo destro. Per questo motivo, il 33enne è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico salvavita e ora resta ricoverato in terapia intensiva e ancora in pericolo.

VIDEO. Accoltella il compagno al cuore e scappa

Le immediate indagini hanno consentito di ricostruire le fasi dell'aggressione, avvenuta a Milano, nell'appartamento del 41enne, con il quale la vittima intratteneva una relazione. Il tentato omicidio si sarebbe consumato alle 15, al culmine di una lite scaturita per motivi sentimentali. Il sospettato è stato fermato nella notte tra lunedì e martedì dai carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R.M. della Compagnia di San Donato Milanese.

Rilievi dei Carabinieri della scientifica-2

Il sopralluogo nell'abitazione milanese del 41enne, effettuato da personale della Sezione rilievi del comando provinciale, ha confermato i sospetti. In casa sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro un piumone, alcuni asciugamani intrisi di sangue e un coltello da cucina di grosse dimensioni trovato all'interno della lavastoviglie e verosimilmente utilizzato come arma del delitto. Per il fermato si sono aperte le porte del carcere di San Vittore, dove resta a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

Dai filmati delle telecamere di sicurezza del condominio dove è avvenuta l'aggressione si vede che il 41enne accompagna all'uscita la vittima, che fatica a reggersi in piedi. Poi probabilmente lo accompagna a casa e nessuno dei due chiede aiuto al 118, fino all'arrivo del padre del 33enne

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento