Ragazzo ucciso a coltellate in viale Monza, il presunto killer "Non ricorda nulla"

Il 47enne fermato per l'omicidio è stato interrogato dagli inquirenti. Il suo avvocato: "Si è avvalso della facoltà di non rispondere. Non ricorda nulla dei fatti"

Il luogo del delitto (foto Mesa)

Si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l'interrogatorio A. H., l'egiziano di 47 anni fermato dalla polizia per l'omicidio di Milad Sheker Camel Gerges, il 30enne accoltellato a morte in un condominio al civico 101 di Viale Monza a Milano nella notte tra lunedì e martedì 6 agosto. L'avvocato del 47enne, Gilberto Pennisi, inoltre ha fatto sapere che il suo cliente "non ricorda nulla dei fatti".

Non sono ancora chiari, inoltre, i motivi che hanno portato all'aggressione che è stata ripresa da una telecamera che puntava verso il ballatoio dell'abitazione in cui vittima e aggressore vivevano con altri quattro connazionali. Non è escluso che il presunto killer abbia agito per una sorta di raptus, "Non risulta che sia o fosse in cura per problemi psichici. È un aspetto che si valuterà in un prossimo futuro", ha precisato il difensore.

Un altro coinquilino, un coetaneo della vittima, è indagato per concorso in omicidio ma sua posizione sembra essere molto marginale: sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati perché dalle immagini delle telecamere di sorveglianza non era molto chiaro il suo atteggiamento. Ma, in realtà, stando agli investigatori, si è trattato proprio di una delle persone che poi ha chiamato i soccorritori e che anzi ha collaborato sul momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video: ecco l'arrivo dei primi soccorritori e della polizia

L'omicidio di viale Monza

Tutto si è consumato nella notte tra lunedì e martedì 6 agosto quando il 30enne, al culmine di una furibonda lite, è stato raggiunto da tre tra la parte alta del torace e il collo. Erano stati i condomini, intorno alle 4.30, a chiamare la polizia e il 118, ma i sanitari una volta arrivati sul posto non avevano potuto fare altro che constatare il decesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mara Maionchi ricoverata per coronavirus a Milano

  • Sciopero generale, venerdì nero dei mezzi a Milano: a rischio metro, bus, tram e treni. Tutti gli orari

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento