Operazione da record a Milano: impiantata protesi stampata in 3D, prima volta nel mondo

La protesi è stata stampata in 3D personalizzata sulle necessità della paziente. I dettagli

Foto repertorio

Per la prima volta al mondo una protesi del ginocchio personalizzata e stampata interamente in 3d è stata impiantata su una paziente. L'operazione da record è avvenuta all'Humanitas di Rozzano ed è stata eseguita dal dottor Maurilio Marcacci, con la collaborazione dei colleghi Tommaso Bonanzinga e Francesco Iacono. 

“Gli ultimi sviluppi della medicina vedono la personalizzazione delle cure come un’opzione sempre più realistica e concreta. Anche l’ortopedia non fa eccezione, con studi che vanno dallo sviluppo di protesi con materiali sempre più innovativi e su misura per il paziente, fino all’utilizzo di cellule staminali che aiutino la rigenerazione dei tessuti e della cartilagine. Questo intervento è la conclusione di un progetto di ricerca che apre le porte ad interessanti opzioni terapeutiche a beneficio dei pazienti e che speriamo possa stimolare il lavoro di tutti i professionisti nel campo della scienza e della medicina per trovare applicazioni cliniche sempre più innovative” ha commentato il dottor Marcacci. 

L’artroplastica del ginocchio, ovvero la ricostruzione attraverso una protesi totale del ginocchio, è una delle procedure ortopediche più comunemente eseguite, che raggiunge i 4 milioni di casi all’anno nel mondo: pur essendo “una procedura di routine, fino al 15% dei pazienti si dichiara non soddisfatto dei risultati e il 6,2% rischia di essere sottoposto ad una revisione della protesi nei successivi 10 anni”, ha chiarito il dottor Bonanzinga.

Protesi in 3d personalizzata: la prima al mondo

"Customizzazione e personalizzazione sono diventate ormai parole chiave nel mondo della medicina - sottolineano dalla stessa Humanitas -. A maggior ragione gli studi, le ricerche e le tecnologie applicate alle ricostruzioni articolari tendono ad avvicinarsi il più possibile alle esigenze del paziente".

“Fino ad oggi le protesi del ginocchio sono state progettate per qualsiasi paziente senza considerare l’anatomia specifica di ogni singolo paziente – ha spiegato ancora il prof Marcacci -, di conseguenza molti impianti sono risultati più grandi o più piccoli del ginocchio del paziente, generando problemi dopo l’intervento come lo sfregamento dei tendini tra dispositivi e tessuti molli, dolore, infiammazione, sanguinamento osseo e influenzando la qualità di vita del paziente per anni”.

Proprio per questo i chirurghi del "Centro per la ricostruzione articolare" di Humanitas, in collaborazione con la start-up italiana Rejoint - vincitrice anche di un bando Horizon 2020 in ricerca e innovazione - hanno ideato una nuova procedura e stampato in 3d una protesi totale di ginocchio in lega di cromo cobalto: “Attraverso Tac e risonanza magnetica si rilevano le caratteristiche e i parametri anatomici del paziente. Su questa base e su queste informazioni - ha chiarito l'ortopedico - si stampa una protesi in 3d che è ricostruita fedelmente sulle dimensioni del ginocchio del paziente”.

“Si tratta del primo caso al mondo in cui il rimpianto viene stampato in 3d – ha evidenziato il dottor Bonanzinga -, inoltre durante l’intervento sono state utilizzate anche tecnologie accessorie utili a ridurre al minimo i rischi, a posizionare in modo preciso la protesi. Sarà il primo passo verso una personalizzazione dell’intervento, sempre più importante e necessaria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento