rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

"La famiglia riconquisti la propria capacità genitoriale"

Intervista a Giampietro Chiamenti, neo presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'VIII Congresso Nazionale Fimp che si terra' all'Hotel Marriot di Milano dal 2 al 4 ottobre 2014

"I bambini di oggi ricevono tanti 'si' ma questo non va a colmare il tempo che i genitori non passano con i propri figli. La famiglia sta perdendo la sua capacita' genitoriale e non e' un caso che molti dei problemi che esplodono alle elementari o alle medie trovano radici nei primi anni di vita, quando la famiglia, insieme al pediatra, dovrebbe fare sui bambini il grosso del lavoro".

Lo dice Giampietro Chiamenti, neo presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'VIII Congresso Nazionale Fimp che si terra' all'Hotel Marriot di Milano dal 2 al 4 ottobre 2014. 'Prepariamoci al bambino di domani' e' il titolo scelto dai Pediatri di Famiglia per il prossimo congresso.

E non e' un caso. I bambini di oggi sono figli di un grande cambiamento. Stili di vita, alimentazione, modelli di riferimento, famiglie allargate, separazioni, crisi economica, tecnologia: negli ultimi decenni si e' assistito ad una profonda trasformazione della societa' che ha portato alla nascita di nuovi scenari ma soprattutto di nuovi bisogni, sintomi e disagi nei bambini e negli adolescenti. È allora proprio in quest'ottica che il pediatra, figura di riferimento per le famiglie, deve essere sempre piu' consapevole e preparato a tali cambiamenti.

"I pediatri - prosegue Chiamenti - devono perfezionare quello che da sempre fanno. Nella nostra attivita', mentre la cura fa parte della nostra fisiologia, l'approccio agli aspetti della prevenzione deve diventare prioritario e va sviluppato. Avere degli adulti sani, infatti, vuol dire incominciare fin dalla nascita ad affrontare i classici temi della nutrizione, della prevenzione alle malattie infettive, e di tutti quegli aspetti che riguardano lo sviluppo psico-motorio e l'aspetto relazionale che al giorno d'oggi sono sempre piu' importanti nello sviluppo del bambino".

Cosa chiedete al ministro Lorenzin da poco riconfermato alla Salute? "Le chiediamo di esserci vicini - risponde il presidente Fimp alla Dire - per quello che vuol dire poter realizzare il ruolo che ci e' stato affidato, ovvero di essere gli 'avvocati difensori' della salute del bambino. Credo che il pediatra di famiglia abbia bisogno di avere le istituzioni al suo fianco, per sviluppare insieme quei programmi di prevenzione di cui ho parlato. Una sensibilita' del ministero ci aiuterebbe in un compito che noi quotidianamente affrontiamo ma che abbiamo bisogno di rendere piu' sistematico e visibile".

Tante sono le sfide che il pediatra oggi deve affrontare, a partire dal "mantenimento di quella condizione di privilegio di cui godono i nostri bambini - spiega Luigi Nigri, vicepresidente Fimp -: il bambino italiano, infatti, e' uno dei pochi al mondo ad avere uno specialista dedicato dalla nascita all'adolescenza". "Noi pero' abbiamo un obiettivo ancora piu' ambizioso- conclude Nigri- vogliamo portare l'Italia in Europa. Abbiamo grosse sollecitazioni dagli stati europei e se riusciamo ad estendere l'esperienza italiana di gran successo all'estero avremo compiuto la nostra mission".

L'evento e' stato anche l'occasione per presentare alla stampa la nuova Segreteria Nazionale Fimp. Ne fanno parte: Paolo Biasci, Luigi Nigri, Adolfo Francesco Porto, Giuseppe Di Mauro, Giovanni Semprimi, Giovanni Cerimoniale, Costantino Gobbi, Domenico Careddu, Maria Catellani, Eustachio Sarra. (fonte: Cds/ Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La famiglia riconquisti la propria capacità genitoriale"

MilanoToday è in caricamento