Cronaca

Strage di via Brioschi, ergastolo per Giuseppe Pellicanò: uccise la moglie e due ragazzi

Lo ha deciso il tribunale di Milano. Non solo: l'uomo dovrà risarcire anche i figli e i vicini

Giuseppe Pellicanò e il palazzo della strage

È stato condannato all'ergastolo Giuseppe Pellicanò, pubblicitario di cinquantadue anni responsabile dell’esplosione in via Brioschi - avvenuta lo scorso 12 giugno - che era costata la vita alla moglie dello stesso Pellicanò e a due ragazzi che dormivano nella casa accanto. 

Il giudice dell'udienza preliminare Chiara Valori lo ha riconosciuto colpevole dei reati di strage e devastazione. Con qualche modifica è stata accolta la richiesta del Pm Elio Ramondini che aveva chiesto le aggravanti per "aver agito per motivi abietti e futili", circostanza non riconosciuta dal tribunale. Per la devastazione è stata riconosciuta  l'aggravante di aver "commesso il fatto in presenza o in danno" di minorenni. La difesa di Pellicanò, invece, aveva chiesto l'assoluzione: secondo i legali il pubblicitario "non aveva la volontà di uccidere". Non solo: secondo una loro perizia psichiatrica — contestata dalla procura e dalle parti civili — era emerso che Pellicanò fosse parzialmente incapace di intendere e di volere, perchè gravemente depresso. Il tribunale, tuttavia, non ha accolto questa tesi.

Oltre alla condanna Pellicanò dovrà pagare una provvisionale complessiva di 3,2 milioni di euro alle parte civili: 480mila euro ciascuna alle due figlie minori; 350mila euro per ciascuno dei genitori delle vittime. Risarcimenti di 5mila euro anche per i vicini di casa che ebbero danni causati dallo scoppio. L'ammontare complessivo verrà stabilito durante una causa civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di via Brioschi, ergastolo per Giuseppe Pellicanò: uccise la moglie e due ragazzi

MilanoToday è in caricamento