rotate-mobile
Cronaca

Uccise tre persone a picconate: "Era capace di volere"

Dopo mesi di attesa ecco la perizia su Mada Kabobo, il ghanese che a maggio uccise tre persone a Niguarda a colpi di piccone

Mada Kabobo era capace di ''volere'' quando nel maggio 2013 aggredì ed uccise a picconate tre persone. E' questo l'esito della perizia psichiatrica disposta dal gip di Milano, nella quale si spiega che il ghanese potrà essere processato e che la sua capacità di intendere ''era grandemente scemata, ma non totalmente assente''.

Per il collegio dei periti, lo psichiatra Ambrogio Pennati e la criminologa Isabella Merzagora, Kabobo ''è capace di coscientemente partecipare al procedimento''. Dunque, secondo i periti, il ghanese potrà essere processato per il triplice omicidio avvenuto l'11 maggio scorso. Secondo i periti, inoltre, il ghanese ''al momento dei fatti di cui al presente procedimento'' aveva una ''capacità di intendere'' che era ''grandemente scemata ma non totalmente assente''.

La capacità di volere, spiegano ancora i periti, ''era sufficientemente conservata''. Dunque, in sostanza, i periti indicano un possibile vizio parziale di mente ma sostengono che il ghanese era capace ''di volere''. Infine, i periti parlano anche di una ''pericolosità sociale, psichiatrica'' che è presente ''in forma elevata''. A richiedere la perizia psichiatrica su Kabobo, disposta dal gip, era stato il pm Isidoro Palma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise tre persone a picconate: "Era capace di volere"

MilanoToday è in caricamento