Cronaca Stadera / Via Giulio Carcano

"Non pensavo di fargli così male"

Sarà probabilmente richiesta la perizia psichiatrica per la studentessa arrestata con l'accusa di aver lanciato dell'acido addosso all'ax fidanzato

La ragazza arrestata

"Non pensavo di fargli cosi' tanto male". E' quanto avrebbe detto Martina Levato, la studentessa della Bocconi arrestata assieme al suo amante Alexander Boettcher per aver aggredito con dell'acido il 22enne Pietro Barbini, dopo aver chiesto ai suoi legali quali fossero le condizioni di salute del giovane, con cui aveva avuto una breve relazione quando erano liceali.

Anche lunedì uno dei legali della ragazza, l'avvocato Marziano Pontin, che la difende assieme alla collega Paola Bonelli, e' andato a trovare la studentessa nel carcere milanese di San Vittore, dove e' rinchiusa dallo scorso 28 dicembre.

La giovane, da quanto si e' saputo, in uno dei colloqui di questi giorni con i suoi legali ha chiesto conto delle condizioni di Barbini che rischia di perdere l'uso dell'occhio destro. "Volevo punirlo perche' lui mi infastidiva con avances continue sulle chat, ma non pensavo di fargli cosi' tanto male", avrebbe detto Martina Levato.

Per lei i suoi avvocati chiederanno con probabilità la "disposizione della perizia psichiatrica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non pensavo di fargli così male"

MilanoToday è in caricamento