La notte da incubo di una donna: sequestrata dal compagno, pestata e quasi strangolata

La vittima, dopo ore di terrore, si è presentata in ospedale piena di lividi e ferite. I fatti

Foto repertorio

Ha passato quasi dodici ore in ostaggio nel suo appartamento, presa a botte e a bottigliate dal compagno accecato dalla gelosia. Quello stesso compagno che già per due volte nell'ultimo mese l'aveva picchiata e che lei aveva sempre perdonato. Almeno fino a domenica. 

È stata una notte horror quella tra sabato e domenica per una donna 30enne di Triuggio, in Brianza, che si è trovata a fare i conti con la furia del suo uomo, un egiziano di trentacinque anni residente a Sesto San Giovanni. Tutto è iniziato quando il 35enne ha atteso la compagna fuori dal luogo di lavoro, convinto di trovarla in compagnia del suo amante e di dimostrare così che aveva ragione a credere che lei lo avesse tradito. 

Botte e dita sui cavi elettrici

La donna, che invece era uscita da sola al termine del proprio turno, è salita sulla vettura del 35enne e insieme si sono diretti proprio in Brianza, nell’appartamento da poco acquistato dalla vittima. Qui è iniziato l’incubo: l’uomo ha cominciato a insultare pesantemente la donna e a picchiarla. In pochi istanti il 35enne ha perso il controllo e l'ha costretta a toccare alcuni fili elettrici scoperti collegati alla corrente fino ad arrivare a provare a strangolarla con un cavo elettrico. E poi ancora botte, lividi e bottigliate su tutto il corpo fino al mattino.

Solo dopo ore di sofferenza, all’alba di domenica, la vittima è riuscita a divincolarsi e a fuggire: così ha raggiunto, piena di lividi, sanguinante e spaventata, il pronto soccorso del San Gerardo di Monza, dove i medici le hanno diagnosticato una prognosi di ventidue giorni. 

Gli altri pestaggi per gelosia

In ospedale sono arrivati anche i poliziotti del commissariato, che hanno ascoltato il racconto della donna che si finalmente è convinta a denunciare il compagno che già in altre occasioni l’aveva aggredita, a calci e pugni, per gelosia. Nel mese di febbraio, a Sesto San Giovanni, sotto casa del 35enne, la donna è stata afferrata per i capelli, colpita al volto da una gomitata e presa a calci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due giorni dopo poi si è ripetuta la stessa scena. Ora l’uomo, che ha precedenti per lesioni, tentata estorsione e guida in stata di ebbrezza, è stato denunciato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Sciopero generale, venerdì nero dei mezzi a Milano: a rischio metro, bus, tram e treni. Tutti gli orari

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia, raddoppiano i contagi: 4.126 in un giorno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento