rotate-mobile
La violenza / Corsica / Via Lomellina

Calci e pugni alla compagna mentre ha in braccio il figlio di 3 mesi, arrestato

L'uomo è incensurato, ma lei ha riferito altri episodi di violenza domestica che non aveva avuto il coraggio di denunciare

Durante una banale lite, non ha esitato a riempire la sua compagna di calci e pugni, anche in testa, mentre lei teneva in braccio il figlio della coppia, di appena tre mesi. Ad un certo punto la donna è riuscita a rifugiarsi nel bagno dell'appartamento, da dove ha chiamato il numero di emergenza 112.

E' successo a Milano, in via Lomellina, nella serata di venerdì 30 settembre. Sul posto si sono precipitati i carabinieri, insieme ai sanitari del 118. I militari hanno sorpreso ancora in casa l'uomo, un 40enne incensurato di nazionalità italiana, e lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia. La vittima, una marocchina di 35 anni, è stata trasportata in codice giallo al Niguarda, dove i medici le hanno diagnosticato un trauma commotivo e l'hanno tenuta in osservazione nell'ospedale, insieme al figlio, rimasto fortunatamente illeso.

La donna ha poi riferito ai carabinieri altri episodi di violenza mai denunciati per paura di ripercussioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni alla compagna mentre ha in braccio il figlio di 3 mesi, arrestato

MilanoToday è in caricamento