Presa a calci, pugni e quasi accoltellata dal compagno: lei in ospedale, lui arrestato

In manette per avere commesso ripetute violenze un 34enne tunisino

Repertorio

Ha aggredito con calci e pugni la compagna, per poi brandire un coltello da cucina tentando di colpirla. Poi si è procurato dei tagli sul braccio, ma è stato fermato, soccorso e arrestato. L'accaduto in via Cilea a Pioltello (Milano) nel pomeriggio di venerdì 21 agosto.

A finire in manette per atti persecutori e lesioni personali aggravate un 34enne tunisino con precedenti di polizia. Sul luogo dell'aggressione avvenuta per motivi di "gelosia" (se così si può dire) sono accorsi i carabinieri.

L'aggressione e la denuncia

La vittima, 40 anni, è stata raggiunta dall'uomo in casa, aggredita a calci e pugni e quasi accoltellata, ma per fortuna è riuscita a evitare i fendenti rifugiandosi in camera da letto.

Quando poco dopo l'aggressore con il coltello si è procurato alcuni tagli al braccio, il personale del 118 l'ha bloccato, trasportando nel frattempo la donna all'ospedale Uboldo di Cernusco sul Naviglio.

A quel punto la 40enne, per la prima volta, ha denunciato di essere stata vittima di analoghi episodi di violenza, mai denunciati prima, ed è stata indirizzata al locale centro antiviolenza. Il reo è stato arrestato e portato a San Vittore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento