menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Picchia la moglie e dà fuoco all'auto della parente che la ospita: arrestato

L'accaduto a Sedriano (Milano). A fermare l'uomo, dopo l'ennesimo episodio di violenza, i carabinieri

Continue vessazioni e minacce ma anche vere e proprie violenze fisiche. Era questa la realtà da incubo che una donna era costretta a vivere per colpa del suo stesso marito, il quale nei giorni scorsi è arrivato anche a dare fuoco all'auto della parente che la stava ospitando e aiutando dopo che lei era andata via di casa. Ma i carabinieri hanno finalmente messo la parola fine a tutto ciò portando l'uomo in carcere. L'accaduto nei giorni scorsi a Sedriano, estrema periferia ovest di Milano.

La vicenda

Mercoledì, i militari della cittadina insieme alla Radiomobile di Abbiategrasso, eseguendo un’ordinanza lampo di misura cautelare in carcere emessa dall'autorità giudiziaria di Milano, hanno tratto in arresto e condotto a San Vittore l'uomo, un 44enne italiano residente a Sedriano. 

L'accusa è di maltrattamenti in famiglia, ai danni della moglie, un'italiana della sua stessa età, ma il 44enne è anche fortemente indiziato di aver minacciato una familiare della donna, di 54 anni, e di aver danneggiato l'auto di quest'ultima incendiandola. 

L'arresto è il risultato di una tempestiva e accurata indagine che ha permesso di risalire al 54enne identificandolo come l'autore dell'incendio doloso dell'auto avvenuto a Sedriano lo scorso 15 novembre. Dopo l'episodio, la moglie dell'uomo - che per anni ha subito da lui violenze, lesioni e minacce - l'ha finalmente denunciato.

A incastrare il 44enne una bottiglietta d'acqua parzialmente bruciata e con all'interno tracce di benzina trovata sul luogo dell'incendio e uguale a quelle rinvenute nella sua abitazione, nonché il fatto che avesse bruciature sulle mani di cui non sapeva spiegare l'origine.

Gli investigatori hanno accertato come l'uomo avesse piani ritorsivi e intiminatori nei confronti della proprietaria dell'auto poiché lei aveva aiutato e protetto la nipote, e moglie dell'uomo, dopo che era andata via di casa per sottrarsi alle sue violenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento