rotate-mobile
Cronaca Baggio / Via Giovanni Sgambati

Le punta un coltello alla gola perché rifiuta sesso, arrestato convivente

L'uomo ha cercato di violentare la convivente, poi l'ha minacciata e picchiata davanti ai figli di 3 e 4 anni. E' accaduto in Sgambati

Scaraventa addosso alla sua convivente una pinza, poi le punta un coltello da cucina alla gola minacciandola di morte davanti ai propri figli di 3 e 4 anni, perché si rifiuta di consumare un rapporto sessuale. Calogero A., italiano di 45 anni, pluripregiudicato da poco uscito dal carcere per detenzione ai fini di spaccio, è stato portato di nuovo in prigione mercoledì sera da una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri. 

Erano le 21 e 30, da via Sgambati, zona Baggio, arriva una telefonata al 112: viene segnalata una violenta lite in un appartamento. Le urla e i pianti provenienti da quell'abitazione si sentivano in tutto l'edificio. I militari trovano la donna nell'androne con i bambini.

Lei, una 30enne brasiliana, ha una tumefazione al volto ed è molto scossa e agitata. Racconta che, fortunatamente, era riuscita divincolarsi dalla furia del padre dei suoi figli. L'uomo aveva cercato di violentarla. Lei si era divincolata e lui l'aveva pestata.

Per Calogero, che sorprendentemente non aveva fatto uso di alcol né di droghe, le manette sono scattate per tentata violenza e maltrattamenti in famiglia. La ragazza si trova tutt'ora in osservazione al Fatebenefratelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le punta un coltello alla gola perché rifiuta sesso, arrestato convivente

MilanoToday è in caricamento