rotate-mobile
Il pestaggio / Baggio / Via Francesco Rismondo

Difende una ragazza aggredita: picchiato selvaggiamente in strada

La vittima ha subìto anche lesioni permanenti. Tre giovani in carcere, uno (minorenne) deve restare a casa

Massacrato di botte, in strada, per avere cercato di difendere una ragazza dall'aggressione del suo fidanzato. È la fotografia di quanto avvenuto in via Rismondo, a Baggio, nella serata del 19 novembre 2023, e ricostruito dalla squadra mobile di Milano, che ha identificato i responsabili. Tre di loro sono ora in carcere, mentre il quarto (minorenne) ha l'obbligo di restare nella sua abitazione.

Tutto è iniziato quando la vittima, un ragazzo di 25 anni, transitando a piedi in via Rismondo ha notato un giovane litigare in modo sostenuto con una ragazza, prendendola anche per i capelli. Il 25enne è intervenuto per difenderla, ma l'altro (che poi si rivelerà il 17enne identificato ora dalla polizia) ha preso a minacciarlo ("adesso chiamo i miei amici e ti lasciamo per terra"). Poi si è allontanato.

Mentre la vittima telefonava al 112 per avvertire del fatto, l'altro (pochi minuti dopo) tornava sul posto, in auto, con alcuni amici. Dalle telecamere di sorveglianza è emerso che, in quel lasso di tempo, aveva effettuato una telefonata. Forse per "chiamare a raccolta" i sodali. Non appena il gruppetto è tornato in via Rismondo, ha affrontato il 25enne prima a parole e poi, quasi immediatamente, con pugni e calci, anche mentre si trovava già per terra.

Gravissime le lesioni: la vittima ha avuto 30 giorni di prognosi anche se, in realtà, c'è voluto più tempo per curare tutte le ferite. Tra l'altro si è visto fratturata la costola e il setto nasale. Inoltre ha perso tre denti nell'arcata superiore, con indebolimento permanente della masticazione.

Nei mesi successivi gli investigatori di via Fatebenefratelli hanno riannodato i fili della vicenda, utilizzando gli strumenti tecnici come l'analisi delle telecamere e dei tabulati telefonici, fino a identificare il gruppo di aggressori. Del minorenne (quello che aveva aggredito anche la sua fidanzata) si è occupata la procura apposita, e il gip gli ha ordinato la permanenza a casa. Per i maggiorenni (un 19enne, un 22enne e un 24enne) è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Difende una ragazza aggredita: picchiato selvaggiamente in strada

MilanoToday è in caricamento