rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Ortles / Viale Ortles

Ragazzo massacrato di botte in strada senza motivo: salvato da un agente penitenziario

La follia martedì sera in via Ripamonti. L'aggressore è stato arrestato dai carabinieri

Ha colpito con violenza inaudita un ragazzo che ha avuto l'unica "colpa" di passare lì in quel momento. Poi, con la stessa ferocia, si è scagliato contro un agente della polizia penitenziaria. E alla fine si è arreso ai militari del Radiomobile. 

Follia martedì sera in via Ripamonti a Milano, dove un italiano di ventisei anni è stato aggredito da un uomo di trentaquattro anni, un cittadino polacco con precedenti e finito in manette già lo scorso 24 maggio per aver aggredito la security di un supermercato in centro dopo un furto. 

Verso le 21.30, stando a quanto finora ricostruito dai carabinieri, il 34enne ha sferrato un pugno al volto del 26enne dopo averlo incrociato per caso all'angolo con viale Ortles. Quando il giovane è caduto, l'aggressore si è scagliato su di lui continuando a colpirlo. A mettere fine al pestaggio è stato un ispettore della polizia penitenziaria - un 52enne - che è passato da via Ripamonti in auto con sua figlia ed è subito intervenuto. Anche lui, però, ha dovuto fare i conti con il polacco, che lo ha ferito con un violentissimo schiaffo al volto. 

A bloccarlo sono stati i carabinieri del Radiomobile, che lo hanno immobilizzato e arrestato con le accuse di lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L'agente è finito al San Paolo, dove i medici gli hanno diagnosticato una prognosi di sette giorni. Il 26enne si trova invece ancora ricoverato al Policlinico per un grave trauma cranico. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo massacrato di botte in strada senza motivo: salvato da un agente penitenziario

MilanoToday è in caricamento