Milano, il carabiniere al primo giorno di lavoro che arresta il (finto) carabiniere truffatore

In manette un 27enne, accusato di truffe plurime ad anziani, fermato dai veri carabinieri

Il truffatore al bancomat

Carabinieri, veri, contro carabinieri, decisamente finti. Un uomo di 27 anni, un cittadino italiano residente a Milano con precedenti alle spalle, è stato arrestato martedì pomeriggio a Pioltello con le accuse di "truffe plurime ai danni di anziani" e "indebito utilizzo di carte di credito" dopo aver messo a segno una serie di raggiri insieme a un complice, per ora scappato. 

I guai per lui sono iniziati nel pomeriggio, quando una pattuglia della tenenza - con a bordo un militare al suo primo giorno di servizio dopo il 139° corso per allievi e il capo equipaggio - è stata allertata per le ricerche di due malviventi autori di alcune truffe avvenute poco prima. Durante il giro di controllo, i due carabinieri hanno notato il 27enne mentre prelevava del denaro dallo sportello della filiale Bpm e hanno deciso di controllarlo, anche perché il più esperto tra i militari lo aveva riconosciuto come una sua vecchia "conoscenza". 

VIDEO. Finto Carabiniere truffava e derubava gli anziani

Alla vista dell'auto dell'arma, però, il truffatore è fuggito a piedi, mentre il secondo uomo è scappato a bordo di un'auto. La fuga del ragazzo è finita poco dopo, quando i militari lo hanno raggiunto e bloccato. Addosso aveva una radio ricetrasmittente, spray urticante, una placca di servizio dei carabinieri con il nome e la foto di un sedicente maresciallo, 1.200 euro in contanti appena ritirati con il bancomat di un'anziana di Pioltello e una collanina in oro truffata a una 87enne di Gorgonzola. 

Dalle prime ricostruzioni degli investigatori, il 27enne e il complice sarebbero autore di almeno 5 raggiri consumati tra Cernusco, Pioltello e Gorgonzola nella mattinata di martedì sempre presentandosi come carabinieri. Il truffatore, che è già stato riconosciuto da due delle vittime, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza, processato per direttissima e poi messo ai domiciliari. Non è escluso che lui e il complice abbiano messo la firma su almeno 20 colpi avvenuti nell'ultimo periodo in zona: in tutti i casi a entrare in azione erano stati due finti carabinieri, che con il distintivo avevano conquistato la fiducia degli anziani, per poi raggirarli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Oggi e domani Lombardia in zona arancione: regole e divieti per il weekend, cosa si può fare

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Zona bianca (ovvero tutto aperto) col nuovo Dpcm: quando potrebbe arrivarci la Lombardia

Torna su
MilanoToday è in caricamento