menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Poesie d'amore in metrò (Francesca Pels)

Poesie d'amore in metrò (Francesca Pels)

San Valentino: l'amore "a uno sconosciuto" nelle poesie in metrò

Incursione poetica della giovane Francesca Pels nei vagoni della linea gialla: sette poesie d'amore in cento fogli appesi per l'occasione

La giovane poetessa Francesca Pels "colpisce" ancora. E per San Valentino, sfoggia un'iniziativa a tema, ma non banale. "Cento poesie d'amore a uno sconosciuto", questo il titolo, per così dire, dell'opera. Poesie appese nei vagoni della linea gialla della metropolitana, un "raid" poetico fatto di sette componimenti stampati su un totale di cento fogli di carta. Sette poesie che hanno per titolo le sette parole di greco antico che - con sfumatore diverse - significano amore.

Per la poetessa milanese, però, il 14 febbraio è anche l'anniversario del giuramento di Strasburgo, datato 842 d.C., primo documento scritto con l'uso di una lingua romanza, in particolare il francese antico. Per una studentessa di lettere (classe 1993), una data significativa e importante.

Francesca Pels non è nuova a incursioni poetiche nell'ambiente urbano. Nel maggio del 2013, per esempio, appese fogli poetici agli alberi di alcuni parchi milanesi. E nel luglio dello stesso anno, sempre nei parchi, si "cimentò" sulle panchine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento