Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Castello / Piazzale Luigi Cadorna

Vita dura per maniaci, ladri e 'portoghesi' sui mezzi Atm: squadre di 'ghisa' su metro e bus

Ai poliziotti di Polmetro - squadra della polizia di Stato - e agli addetti alla sicurezza dell'Azienda trasporti milanesi si affiancheranno da lunedì alcuni agenti della locale

Borseggiatori, molestatori, vandali, venditori abusivi, 'portoghesi' e persone moleste di vario genere che ogni giorno affollano i mezzi Atm di Milano adesso avranno un 'nemico' in più. Ai poliziotti di Polmetro - squadra della polizia di Stato - e agli addetti alla sicurezza dell'Azienda trasporti milanesi si affiancheranno da lunedì alcuni agenti della polizia locale. Servizi congiunti che da sporadici diventano strutturali e mirati. Sì, perché l'idea è proprio quella di concentrare le forze nelle ore di punta e nei punti nevralgici della mobilità in città: stazioni di scambio in centro senza dimenticare però le linee che raggiungono le periferie e perciò più esposte, perché spesso desolate.

Prevenzione e repressione di reati

La vera differenza col passato sarà proprio nella nuova organizzazione. "Ora ci sarà condivisione di obiettivi e strategie tra l'attività di Atm e l'attività specialistica del Nucleo Tutela del trasposto pubblico della polizia locale", ha spiegato il comandante Marco Ciacci. "Lo studio analitico dei primi interventi congiunti - ha aggiunto - permetterà di pianificare in maniere efficace e coordinata quelli successivi".

Video: le parole di Ciacci e Giana

Basti pensare che nel solo mese di febbraio i ghisa hanno controllato 288 stazioni di metropolitana, 708 convogli Atm, 280 mezzi di superficie e 776 fermate, il tutto in maniera sporadica. Ora l'attività di prevenzione - con agenti in divisa e addetti alla security Atm - e quella di repressione - con uomini in borghese - avranno una frequenza maggiore, e quindi più efficacia.

Più controlli sui passeggeri e sul biglietto di viaggio

"Grazie a questa collaborazione anche Atm sarà in grado di affrontare il tema security, in particolare del rispetto delle regole a partire dal pagamento dei biglietti, in maniera ancora più concreta", ha dichiarato il direttore generale di Atm Arrigo Giana. In alcune occasioni i 'ghisa' si affiancheranno anche ai controllori - tutor Atm - per la verifica dei titoli di viaggio e, dove presenti, i controlli verranno estesi anche ai parcheggi di interscambio per prevenire eventuali danneggiamenti e furti che sono stati segnalati da alcuni cittadini.

I primi servizi di controllo a Cadorna e Bisceglie

"La collaborazione tra polizia locale e Atm – ha detto la vicesindaco Anna Scavuzzo – non è mai venuta meno, ora si è deciso di strutturare questa collaborazione, adottando una strategia comune per intervenire in modo più efficace di volta in volta nei punti individuati in base alle reciproche esperienze. L'obiettivo è di essere ancora più incisivi per far sentire in modo chiaro la presenza della polizia Locale e il controllo in particolare nelle tratte che portano in periferia".

Video: le immagini dei controlli

I servizi congiunti saranno svolti presso le stazioni metropolitane e a bordo delle linee di superficie più sensibili. Nel corso dei prossimi giorni sono stati organizzati i primi dieci servizi congiunti ma già da lunedì nelle fermate metro di Cadorna e di Bisceglie erano presenti le squadre miste: con la presenza di personale in uniforme e in abiti civili. Questi primi servizi, che hanno l'obiettivo sia di prevenire situazioni di degrado sia di contrastare l'abusivismo commerciale, costituiranno la base per programmare i prossimi. La pianificazione verrà fatta mensilmente, in base ai risultati ottenuti e alle criticità rilevate. Il lavoro sarà coordinato con quello della polmetro per evitare accavallamenti e coprire più rete possibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vita dura per maniaci, ladri e 'portoghesi' sui mezzi Atm: squadre di 'ghisa' su metro e bus

MilanoToday è in caricamento