menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto repertorio

Foto repertorio

"Indossa la mascherina": agenti aggrediti in metropolitana a Milano, arrestato un 20enne

L'aggressione alle 16 di lunedì. Protagonista un 20enne ivoriano, poi finito in manette

È bastato un semplice invito a rispettare la legge per fargli perdere completamente il controllo e mandarlo su tutte le furie. Un ragazzo di 20 anni, un giovane della Costa d'Avorio regolare in Italia e con precedenti specifici, è stato arrestato lunedì pomeriggio a Milano con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale dopo aver aggredito due poliziotti. 

Teatro della sua follia è stato il mezzanino della metro M2 in Centrale. Lì, verso le 16, due agenti lo hanno visto camminare senza la mascherina indossata e lo hanno invitato a coprire bocca e naso, come previsto dalle ordinanze anti coronavirus di regione Lombardia. Il 20enne si è rifiutato e ha subito iniziato a dimostrarsi poco collaborativo, finendo poi per spintonare e aggredire i poliziotti dopo la richiesta di fornire i documenti. 

Alla fine gli agenti, che fortunatamente non sono rimasti feriti, sono stati costretti a bloccarlo e ammanettarlo. Il 20enne, che già in passato si era opposto a controlli delle forze dell'ordine, è stato quindi dichiarato in arresto e portato in carcere. 

Poche ore dopo, verso le 22.30, altri due poliziotti sono stati aggrediti in Centrale. A farne le spese è stato uno dei ragazzi in divisa, che è stato colpito con diversi pugni da uno spacciatore, che gli ha spaccato una costola.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento