menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Per anni incassa la pensione del vicino di casa morto nel 1994: la mega truffa di una 75enne

In totale la donna ha incassato 369.204 euro: ora per lei il pm ha chiesto due anni di carcere

Per oltre due decenni - 24 anni per la precisione - ha incassato la pensione di un uomo morto. Per questo ora il pubblico ministero ha chiesto che venga condannata a due anni e mezzo di carcere.

A finire nei guai, dopo anni e anni di vita a 'sbaffo', è una 75enne lombarda residente Morazzone (Varese). La donna all'epoca della morte di quello che era un suo vicino di casa, nel 1994, viveva a Castronno (Varese). 

I due erano entrati in confidenza, tanto che la signora era andata a vivere insieme all'anziano, perché lui le aveva ceduto l'immobile in cambio della sua assistenza visto che non aveva parenti. Proprio per questo lei era cointestataria del suo conto corrente. Al momento della morte, non arrivò nessuna notifica da parte del Comune a Inps e Inail.

Sul conto corrente dei due continuarono ad arrivare quindi la pensione, la reversibilità e anche una rendita per infortunio sul lavoro. In totale 369.204 dal momento della morte al 2018 quando la vicenda venne alla luce.

Ora l'avvocato della donna accusata di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, Camilla Paruccini, ha sostenuto che spettava all'Anagrafe e non alla sua assistita notificare la morte, mentre secondo il pm, visto che sul conto cointestato venivano accreditate rendite che non le spettavano, avrebbe dovuto avvisare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento