rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Bus con bambini dirottato e incendiato, per i pm Sy voleva fare una strage in pista a Linate

La procura è pronta a giorni a chiudere il caso e a procedere con la richiesta di immediato

Strage, sequestro di persona, incendio, resistenza e lesioni. Il tutto aggravato dalla minore età delle vittime e con finalità di terrorismo. Sono i capi di imputazione di cui deve rispondere Ousseynou Sy, l'autista di origine senegalese che lo scorso 20 marzo ha dirottato un bus con a bordo 50 studenti di Crema e tre accompagnatori. Un gesto per accendere i riflettori sulle stragi in mare e che poteva trasformarsi in tragedia seppure il 47enne continua a ripetere, anche dal carcere di San Vittore, che non voleva fare del male a nessuno.

Incendio autobus San Donato (B&V Photographers)

I due mesi di indagini serrate da parte del Ros di Milano e dei carabinieri del Nucleo informativo con gli interrogatori dei 50 ragazzi, i rilievi scientifici, la ricostruzione di ogni fase del sequestro, hanno rafforzato l'ipotesi che volesse fare una strage sulla pista dell'aeroporto di Linate. La procura è pronta a giorni a chiudere il caso e a procedere con la richiesta di immediato. Per il momento nessuna richiesta di perizia psichiatrica è stata avanzata. Sy, che potrà chiedere il rito abbreviato, rischia sulla carta l'ergastolo. Le accuse sono sostenute da elementi concreti, come elencano i due titolari dell'indagine, i sostituti procuratori di Milano Luca Poniz e Alberto Nobili. 

Video | L'autobus in fiamme

Con sé l'autista aveva un coltello, forse una pistola giocattolo, ha cosparso il pavimento dell'autobus con dieci litri di benzina, era in possesso di un accendino, si è fatto consegnare i cellulari, ha bloccato le porte del mezzo con delle catene, ha fatto legare le mani ai passeggeri, ha attivato sul pannello luminoso esterno la scritta 'fuori servizio', ha oscurato i finestrini, compiendo un sequestro durato circa 40-50 minuti e che non ha avuto esiti drammatici grazie all'intervento dei carabinieri di San Donato Milanese.

Un gesto con l'aggravante della finalità del terrorismo, "rappresentate dall'intento di condizionare i pubblici poteri in relazione alle politiche in materia di accoglimento degli stranieri è di intimidire la popolazione". Deve anche rispondere dell'incendio dell'autista in cui sono rimasti feriti sette carabinieri, per 17 studenti invece la diagnosi parla di stress acuto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus con bambini dirottato e incendiato, per i pm Sy voleva fare una strage in pista a Linate

MilanoToday è in caricamento