Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Genovese, chiesto il processo con rito immediato

Alberto Genovese è in carcere da novembre 2020 con l'accusa di aver stuprato alcune donne

Chiesto il processo con rito immediato per l'imprenditore Alberto Genovese. La Procura di Milano vuole portare in aula fin da subito l'uomo, imputato per le presunte violenze sessuali, con cessione di droga, nei confronti di una 18enne lo scorso ottobre a Milano e di una 23enne lo scorso luglio a Ibiza.

La richiesta riguarda le imputazioni per le quali Genovese è in carcere dal 6 novembre e per le quali ha anche ricevuto una seconda ordinanza a febbraio. Sull'istanza dell'aggiunto Letizia Mannella e dei pm Rosaria Stagnaro e Paolo Filippini dovrà decidere il gip Tommaso Perna.

Dall'altra parte della "barricata", la difesa di Genovese ha presentato istanza di scarcerazione al gip. 

I guai per evasione fiscale di Genovese

Di recente c'era stata la richiesta di sequestro preventivo di oltre 4,3 milioni di euro, per presunta evasione fiscale contro Genovese ma la richiesta è stata respinta dal giudice per l'indagine preliminare di Milano. A chiedere il sequestro, per fatti relativi al al 2018-2019, era stata la Procura nell'ambito delle indagini aperte già da mesi con al centro le movimentazioni finanziarie dell'imprenditore, difeso dai legali Luigi Isolabella e Davide Ferrari. Ma l'istanza è stata rigettata dal giudice Tommaso Perna.

Secondo quanto trapelato la richiesta era scaturita per presunti reati fiscali riguardanti, da una parte, redditi da lavoro che Genovese avrebbe dichiarato come redditi da capitale e riferiti al suo ruolo dell'epoca in Facile.it Holdco Limited. Questa presunta evasione si riferiva, nello specifico, a strumenti finanziari 'warrant' (convertibili in azioni). Dall'altra all'ex numero uno del portale di assicurazioni sarebbe stata anche contestata una presunta evasione sulla liquidazione di alcune partecipazioni in Facile.it realizzata, secondo i pm, attraverso lo 'schermo' di una delle sue società, la holding Auliv, nella quale erano confluite le stesse partecipazioni.

Il gip, tuttavia, non accogliendo le ipotesi accusatorie ha respinto la richiesta di sequestro preventivo ai fini della confisca per un totale di oltre 4,3 milioni. Contro il rifiuto del magistrato, la Procura ha la possibilità di ricorrere al tribunale del Riesame.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genovese, chiesto il processo con rito immediato

MilanoToday è in caricamento