rotate-mobile
Cronaca

Processo rivolta al Cie, 4 condanne e 1 scarcerazione

Dopo le udienze di questa mattina il giudice ha condannato per direttissima a pene comprese tra i 7 mesi ed un anno, i quattro immigrati arrestati per la rivolta al Cie di Corelli del 7 novembre

Dopo le udienze di questa mattina il giudice ha condannato per direttissima a pene comprese tra i 7 mesi ed un anno, i quattro immigrati arrestati per la rivolta al Cie di Corelli del 7 novembre.

Nello specifico, è stato condannato a un anno di reclusione l'algerino  Samai Bernini, mentre Karim Zitouni, Toufik Webet e Sougidi Saiffedin tutti a 7 mesi di reclusione: il pubblico ministero aveva chiesto per tutti condanne ad un anno.

Il magistrato ha ordinato anche la trasmissione degli atti alla Procura per aprire un’indagine su presunte false testimonianze di un responsabile della Croce Rossa: l’uomo ha dato della rivolta una versione diversa da quella degli agenti.


i sono stati alcuni momenti di tensione al Tribunale di Milano questa mattina, durante il processo che vede imputati quattro immigrati, due tunisini e due algerini, accusati di resistenza e lesioni.

I migranti si sono resi protagonisti lo scorso 7 novembre di una rivolta scoppiata nel centro di identificazione ed espulsione di Via Corelli.

Alcuni esponenti del comitato “antirazzista milanese” hanno gridato in aula “assassini” ai  giudici e ai pubblici ministeri coinvolti nel processo. Il manipolo di manifestanti è poi uscito dall’aula ed ha esposto striscioni contro i Cpt, definiti “lager di stato”.

I pm hanno chiesto per i quattro imputati la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo rivolta al Cie, 4 condanne e 1 scarcerazione

MilanoToday è in caricamento