Cronaca

Calci, pugni e “testate” al muro: botte ai bimbi dell’asilo, maestre e la dirigente a processo

Il processo inizierà il 15 dicembre. Tredici famiglie e il comune sono parte civile. La storia

Foto repertorio

Per sei mesi, in diverse occasioni, avrebbero usato le maniere forti con i bambini. E ora, per decisione del Gup, dovranno difendersi dalle accuse in un’aula di tribunale. 

Sono state rinviate a giudizio le due maestre che tra l’ottobre del 2015 e l’aprile del 2016 avrebbero maltrattato con schiaffi, calci, strattoni e spinte una decina di bambini di un asilo comunale a Milano. Sul banco degli imputati finirà anche la dirigente della struttura, accusata di favoreggiamento, omessa denuncia e abuso dei mezzi di correzione.

Video | Le immagini che hanno incastrato le maestra 

video violenze asilo fot-2

Le due insegnanti, invece, dovranno rispondere di maltrattamenti, lesioni personali, abuso dei mezzi di correzione e di disciplina e favoreggiamento per aver invitato altre dipendenti della scuola a “non riferire i fatti avvenuti all’interno” dell’istituto. 

Il gup, che ha disposto il rinvio a giudizio, ha sposato la ricostruzione del pm Gianfranco Gallo, secondo cui “in più occasioni” una delle due maestre avrebbe trascinato un bimbo sul pavimento urlandogli nelle orecchie. In un’altra occasione, la stessa donna avrebbe colpito un piccolo alunno “con uno schiaffo e un calcio”

L’altra maestra è invece accusata di avere fatto sbattere una bambina di pochi anni - sostiene il pm - “con la testa contro il muro cagionandole lesioni personali consistite in un ematoma sul capo".
   
Tredici famiglie - tutti genitori di bimbi iscritti all’asilo - e il comune di Milano si sono costituiti parte civile nel processo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci, pugni e “testate” al muro: botte ai bimbi dell’asilo, maestre e la dirigente a processo

MilanoToday è in caricamento