Cronaca

"Ruby diceva di avere 24 anni". Giornata di interrogatori al processo

Sentita la madre di un ex fidanzato della ragazza, ma anche Caterina Pasquino, la donna che denunciò Karima per furto provocandone l'ormai famoso fermo in questura

"Ruby", persona cardine del processo dove è imputato l'ex premier Silvio Berlusconi

Giornata di interrogatori al processo Ruby, in cui l'ex premier Berlusconi è accusato di concussione e di prostituzione minorile. La difesa sta cercando di delineare meglio la figura di Ruby e soprattutto sta cercando di dimostrare l'assenza di rapporti sessuali di alcun genere durante gli ormai famosi "Bunga bunga" di Arcore.

La madre di un ex fidanzato siciliano di Karima, in particolare, ha riferito che la ragazza diceva di essere egiziana e di avere 24 anni, mentre in realtà ne aveva molti di meno. Secondo la difesa, la stessa "versione" Karima avrebbe sempre usato col premier. Da una telefonata intercettata nel 2010, Karima avrebbe sostenuto: "Ho sempre negato con Berlusconi di essere minorenne per non metterlo nei casini".

E' stata anche sentita Caterina Pasquino, che con la sua denuncia per un furto di circa 3mila euro aveva provocato il fermo in quetura, nel maggio 2010, della 17enne. "Non c'entro con questa vicenda - ha dichiarato in aula la Pasquino - anzi Ruby mi ha devastato la vita". Sui rapporti tra Berlusconi e Karima, la Pasquino ha dichiarato che la giovane "mi diceva che era un amico e la aiutava con il denaro". Secondo il racconto della testimone, una volta al telefono Karima le avrebbe detto di fare sesso con l'ex premier, poi avrebbe aggiunto "Ma va', sto scherzando!". Rispondendo al pm, la Pasquino ha inoltre affermato che Ruby pagava le spese dell'appartamento di via Settala dicendo che il denaro "a volte veniva dal presidente Berlusconi, a volte da amici di famiglia". Ha inoltre aggiunto che Karima-Ruby "piangeva tutte le notti perché in crisi sentimentale".

In merito all'ipotesi di rapporti sessuali con l'ex premier, Caterina Pasquino ha confermato d'avere messo a verbale davanti a un ispettore di polizia che "la giovane ha fatto sesso con il presidente del consiglio", sebbene però non ci credesse. Ha inoltre raccontato che il 27 maggio 2010, quando denunciò Karima per furto, una donna la minacciò per telefono con linguaggio volgare e offensivo, come ad esempio "Ti faccio il c...". Quella donna era Michelle Conceicao, la brasiliana con cui ormai Ruby viveva. Il Pm ha fatto però notare alla Pasquino che risultano moltissimi contatti telefonici tra lei e la Conceicao.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ruby diceva di avere 24 anni". Giornata di interrogatori al processo

MilanoToday è in caricamento