Cronaca

Processo Ruby: la madre non testimonia "perchè senza soldi per viaggio"

Era stata citata come testimone per lunedì ma non è potuta venire dalla Sicilia perché la difesa di Berlusconi non le ha pagato le spese del viaggio: lo ha spiegato la madre di Ruby. I legali di Berlusconi: "Un equivoco"

Era stata citata come testimone per lunedì ma non è potuta venire dalla Sicilia perché la difesa di Berlusconi non le ha pagato le spese del viaggio che lei, per problemi economici, non è in grado di sostenere.

Lo ha spiegato, con un fax inviato al tribunale di Milano questa mattina, Zhara Yazhini, la madre di Ruby (Karima El Mahroug), citata per lunedì come testimone dai legali dell'ex premier che è imputato per concussione e prostituzione minorile.

La signora prima ancora dell'apertura dell'udienza ha inviato ai giudici una lettera con la quale ha spiegato di voler deporre in aula ma di essere impossibilitata perché l'agenzia di viaggi di Letojanni (Messina), non ha ricevuto l'autorizzazione dello studio Ghedini-Longo al pagamento del biglietto aereo che aveva già prenotato.

E pertanto la signora ha fatto sapere di aver disdetto il volo "non avendo la possibilità economica" di pagarlo di tasca propria. La difesa di Berlusconi, rappresentata dall'avvocato Paola Rubini, stretta collaboratrice degli avvocati Ghedini e Longo, ha affermato in aula che probabilmente c'é stato un equivoco in quanto era stata data l'autorizzazione al pagamento del viaggio ma poi la signora non ha fatto più sapere nulla.

In sostanza i difensori erano convinti che la madre di Ruby si sarebbe presentata in aula tant'é che hanno già convocato l'interprete. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Ruby: la madre non testimonia "perchè senza soldi per viaggio"

MilanoToday è in caricamento