Attentato al bus pieno di studenti, pm chiede 24 anni per l'autista: e Sy dà le spalle al giudice

Il suo fu un sequestro di persona a scopo di terrorismo ed eversione. Ne è convinto il pm

Sy

Ventiquattro anni di carcere. È questa la richiesta del magistrato milanese nei confronti di Ousseynou Sy, accusato di strage, incendio, resistenza, lesioni con l’aggravante di aver agito con finalità terroristiche.

Ousseynou Sy è l’autista si origini senegalesi che il 20 marzo 2019 a San Donato Milanese, comune a Sud del capoluogo lombardo, sequestrò e dirottò un bus con a bordo una cinquantina di allievi, due maestre e una bidella della scuola media “Vailati” di Crema e poi lo incendiò.

autobus-incendio

Il suo fu un sequestro di persona a scopo di terrorismo ed eversione. Ne è convinto il pm Luca Poniz che ha deciso di riformulare “in corsa” una delle imputazioni contestate al 46enne: non più sequestro di persona semplice, ma sequestro di persona a scopo, appunto, di terrorismo o di eversione, reato sancito dall’art. 298 bis del codice penale che punisce “chiunque per finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, sequestra una persona”.

Da qui la richiesta del magistrato milanese di condannare l’imputato a 24 anni. Il principale obiettivo di Sy, ha osservato il pm Poniz in un passaggio della sua lunga requisitoria, era infatti “creare una situazione concreta di pericolo in grado di destare allarme nell’opinione pubblica e intimidire la popolazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le spalle al magistrato durante il processo

Curioso e ampiamente interpretabile l'atteggiamento dell'imputato in aula. Rinchiuso nella cella riservata ai detenuti ma con le spalle rivolte verso l’aula. Così Ousseynou Sy, ha assistito all’udienza del processo. L'udienza si è svolta nell’aula bunker del carcere di San Vittore, dove è possibile garantire il distanziamento tra i presenti. Presente in aula anche Alberto Nobili, il coordinatore del dipartimento antiterrorismo della procura di Milano. L’imputato, dichiarato pienamente capace di intendere e di volere, si è seduto di fronte al muro: un modo per “dare le spalle” al magistrato e alle altre persone presenti in aula.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Torna l'ora solare: come e quando spostare le lancette dell'orologio per cambiare l'ora

  • Covid, Lombardia terzultima in Italia per contagi: "Si è creata una sorta di immunità"

  • 'Milanese' bloccato in Argentina per il coronavirus muore assassinato: addio a Lucas

  • Milano, violenza sessuale al Parco Nord: ragazza 20enne stuprata in una notte d'orrore

  • Mega rissa a colpi di cestelli al supermercato perché non indossano la mascherina: il video

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento