menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Prima accoglienza in Centrale (cai-milano.it)

Prima accoglienza in Centrale (cai-milano.it)

Rifugiati siriani: il comune ne ha accolti oltre 1.200

La permanenza nei due centri (Zoia e Aldini) è di non più di 4-5 giorni. Majorino torna a chiedere al governo di intervenire in sede europea

Oltre 1.200 cittadini siriani accolti dal 18 ottobre dal comune. Più di cento attualmente ospitati nei centri comunali di via Fratelli Zoia e via Aldini. Sono questi i dati del Servizio temporaneo di accoglienza messo in atto in collaborazione con la prefettura e relativo ai profughi provenienti dalla Siria. Il flusso di persone è discontinuo nel tempo e non prevedibile. Si va da picchi di quasi cento arrivi al giorno a poche unità.

Complessivamente, sono transitati dai centri 1.284 persone. L’80 per cento sono uomini e per il 23,2 per cento si tratta di famiglie con almeno due componenti. Più della metà hanno tra i 18 e i 34 anni, mentre poco più di un quarto sono minori di 18 anni. Tra questi quasi l’8 per cento sono bambini tra zero e tre anni.

La permanenza nei centri comunali è di pochi giorni: da un minimo di uno-due giorni a un massimo di quattro-cinque. Nessuno ha mai chiesto di rimanere in Italia. "Abbiamo cominciato l’accoglienza – ha detto Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali – perché non si poteva tollerare che le persone e le famiglie provenienti dalla Siria passassero la notte in Stazione Centrale. La risposta della città è stata straordinaria. Ma i comuni da soli non possono farcela. Per questo è essenziale che il governo intervenga, anche in ambito europeo, attuando politiche efficaci per gestire i continui arrivi e per consentire a queste persone di approdare nei Paesi che intendono raggiungere".

Per attuare l'accoglienza l’amministrazione comunale ha stipulato una convenzione, oltre che con la prefettura, anche con Fondazione Progetto Arca e Cooperativa Farsi Prossimo Onlus, i due enti gestori dei centri di via Aldini e via Fratelli Zoia. Nelle due strutture vengono svolte attività di assistenza materiale, di mediazione linguistica e di animazione per i bambini. Inoltre, sono stati istituiti presidi medico-sanitari garantiti dall’associazione Medici Volontari Italiani. Collaborano alla realizzazione del Servizio temporaneo di accoglienza anche la Comunità di Sant’Egidio e l’associazione Albero della Vita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento