menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Siriani in stazione centrale (fb Insieme per la Siria Libera)

Siriani in stazione centrale (fb Insieme per la Siria Libera)

Profughi siriani in Centrale, il comune interviene (e attacca il governo)

Sono ormai più di cento i siriani fermi in stazione. Il comune costituisce una unità di crisi con la protezione civile

Da una parte il soccorso, dall'altra la polemica contro il governo. Il comune di Milano agisce per aiutare i siriani ormai a centinaia in stazione centrale, che vorrebbero viaggiare verso il Nord Europa (ad esempio in Svezia, dove il governo ha già dato disponibilità ad accoglierli) ma non possono farlo perché, secondo le norme comunitarie, se vogliono chiedere asilo devono farlo nel primo Paese dell'Ue in cui hanno messo piede, quindi in Italia.

I siriani sono aiutati dai volontari di associazioni come Arca, comunità Sant'Egidio e Medici Volontari, ma anche - da giovedì - dal comune stesso, che insieme alla protezione civile ha costituito una unità di crisi e rifornirà i profughi di bevande, cibo, vestiti e coperte.

"La vicenda è incredibile", attacca intanto l'assessore Pierfrancesco Majorino (servizi sociali), che chiede un intervento del governo per coordinare le azioni di assistenza e al limite "prevedere il riconoscimento di uno status che consenta ai migranti di varcare le frontiere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento