Cronaca Porta Vittoria / Via Francesco Sforza

Pronto soccorso: per tutta l'estate trasloco in nuova struttura

Ingresso in via Francesco Sforza per tutta l'estate del pronto soccorso milanese: l'operazione necessaria per i lavori dei nuovi locali, operativi tra qualche mese. Tiso: "Ci sarà qualche disagio"

Da mercoledì 20 luglio inizia il trasferimento delle attività di Pronto Soccorso del Policlinico di Milano, dall'attuale sede alla struttura provvisoria che lo ospiterà durante l'estate. Lo spostamento, necessario per la costruzione del nuovo Pronto Soccorso, avverrà gradualmente e senza interrompere le attività; già da lunedì 25 luglio sarà operativa solo la struttura provvisoria.

Quest'ultima si estende per 480 metri quadrati, che contengono il triage, la stanza di osservazione per i pazienti in barella e quella per i pazienti che possono camminare autonomamente, l'area rossa, gialla, bianca e verde per la gestione dei pazienti classificati con i diversi codici; una sala dedicata ai pazienti psichiatrici; un'altra per l'isolamento; l'astanteria (sala osservazione); infine studi medici, locali di servizio e servizi igienici.

In fondo al prefabbricato, un passaggio coperto collega il Pronto Soccorso a sale operatorie, rianimazione e degenze. Tutti gli impianti, sottolinea il Policlinico, sono stati realizzati ex novo e la struttura è stata predisposta anche per una diversa destinazione d'uso futura (eventuali camere di degenza). L'accesso al Pronto Soccorso, sia per le auto che per i pedoni, non sarà più da via San Barnaba ma da via Francesco Sforza 35 (attuale ingresso principale dell'ospedale). "

La fase più critica del trasferimento - spiega Basilio Tiso, direttore del Dipartimento di Emergenza-Urgenza - sarà fino al 23 luglio: poi, fino a metà settembre, l'attività di pronto soccorso sarà garantita, seppure a regime un po' ridotto. Ai cittadini chiediamo collaborazione, in particolare nei prossimi tre-quattro giorni e soprattutto comprensione durante tutto il periodo estivo. Vi potrà essere infatti, in particolare per i malati più lievi, qualche allungamento dei tempi di attesa. Avremo anche un aiuto dal 118, che durante il trasloco devierà parte delle ambulanze verso altri ospedali, già allertati da tempo. Siamo certi che questo piccolo disturbo sarà ripagato, in un paio di anni, da un nuovo Dipartimento di Emergenza-Urgenza al centro di Milano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso: per tutta l'estate trasloco in nuova struttura

MilanoToday è in caricamento