Cronaca Città Studi / Piazza Aspromonte

Oltre al danno la beffa: imprenditore rapinato da minorenni e denunciato

In piazza Aspromonte la disavventura di un imprenditore bergamasco: prima adesca due prostitute minorenni (e si becca dopo una denuncia) poi un posacenere di ferro in faccia, quando le due tentano di rapinarlo

Un imprenditore edile bergamasco ha concordato con due minorenni marocchine, incontrate martedì pomeriggio in via Padova a Milano, una prestazione sessuale in un albergo.

E' finita con l'arresto delle due diciassettenni per rapina e la denuncia dell'imprenditore per induzione alla prostituzione minorile. Il tutto è cominciato con uno scambio di occhiate tra l'uomo, che era a bordo della propria auto, e le due ragazze. L'imprenditore è sceso dalla vettura e ha concordato una prestazione sessuale con entrambe per 300 euro.

Ha lasciato loro il suo numero di cellulare e le due gli hanno dato un appuntamento in un albergo di piazza Aspromonte (nella foto la zona). Poi, una volta in camera, secondo il racconto dell'imprenditore, le ragazze, dopo averlo aiutato a spogliarsi, avrebbero cercato di rapinarlo di 7.000 euro che aveva con sé, colpendolo anche con un posacenere. La somma è stata trovata in camera. I carabinieri, avvisati dal personale, quando sono arrivati hanno trovato l'uomo in mutande e con una ferita sul naso e le due ragazze che urlavano. Le giovani sono state arrestate dai militari e di loro si occuperà il Tribunale dei minori di Milano, mentre per l'imprenditore è scattata una denuncia per induzione alla prostituzione minorile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre al danno la beffa: imprenditore rapinato da minorenni e denunciato

MilanoToday è in caricamento