Cronaca Città Studi / Piazza Aspromonte

Progettano la fuga, la banda rapisce una di loro e il figlio: arrestati

Due ragazze che si prostituivano per la banda progettano la fuga in Romania: una di loro, col figlio piccolo, viene segregata in casa

Tre arresti per sfruttamento della prostituzione

Tre albanesi pregiudicati sono stati arrestati per sfruttamento della prostituzione. Hanno 32, 33 e 37 anni. Due di loro sono stati bloccati all'interno di un hotel di piazza Aspromonte, mentre il terzo, il 37enne, considerato il "capo" della banda, è stato fermato in un appartamento del vicino viale Lombardia, dove teneva segregata una delle due donne che il gruppo faceva prostituire.

E' stata una delle due ragazze ad avvertire le forze dell'ordine. Si tratta di una 26enne romena, compagna del 37enne. I due si erano conosciuti alcuni mesi fa e poi erano andati a convivere. Insieme alla coppia, abitavva anche una romena di 20 anni con il figlio di tre. Ben presto l'uomo, insieme ai due complici, aveva proposto alle due ragazze di iniziare a prostituirsi sotto la sua "gestione", in cambio di un terzo degli incassi. Lui teneva i conti e gestiva gli appuntamenti, gli altri due albanesi si occupavano della "logistica".

Ultimamente però gli incassi erano calati. Così la 26enne ha iniziato a progettare una fuga in Romania in aereo. Mercoledì pomeriggio ha chiamato al telefono l'amica per coinvolgerla nel progetto, ma ha ricevuto una risposta frettolosa da parte della ragazza, che le ha replicato di fuggire al più presto perché lei era stata catturata. A quel punto la 26enne ha avvertito la polizia. E in effetti in viale Lombardia gli agenti hanno trovato, oltre al 37enne, anche la giovane 20enne con il figlio. Le vittime non mostravano comunque segni di maltrattamento fisico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progettano la fuga, la banda rapisce una di loro e il figlio: arrestati

MilanoToday è in caricamento