menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Trivulzio

Il Trivulzio

Trivulzio, la protesta dei medici: "Non possiamo assistere al meglio i malati"

La lettera inviata alle istituzioni, all'Asl e all'ordine professionale

Terremoto al Pio Albergo Trivulzio: i medici letteralmente in rivolta contro i vertici per alcune scelte che, a dire dei camici bianchi, mettono a rischio la qualità delle cure. Lo riferisce il Corriere. Ed è tutto nero su bianco: una lettera firmata da quasi tutti i dottori e spedita alle istituzioni, all'Asl e anche all'ordine professionale.

Poco personale, strumenti non sempre adatti, condizioni di rischio anche sul piano medico-legale, tutto per il risparmio e i tagli che, secondo i firmatari, sono stati effettuati soprattutto alla parte sanitaria, e non a quella amministrativa. E per di più una nuova modalità di gestione che "ha creato - si legge - disorganizzazione e confusione in tutti i reparti di degenza, senza alcun risparmio in termini di costi". Il tutto a discapito - sostengono i medici - della qualità delle cure, soprattutto considerando che gli ospiti "fissi" del Trivulzio sono circa 1.200 anziani.

"Siamo messi nelle condizioni di non potere assistere al meglio il malato", scrivono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento