rotate-mobile
Cronaca Forlanini / Viale Enrico Forlanini

Sesso sul cartellone pubblicitario: il manifesto "porno" rimosso da Napoli arriva a Milano

Il cartellone è stato affisso su Viale Forlanini a Milano, vicino all'aeroporto di Linate

Un ragazzo nudo e una ragazza senza veli. Su un divano. In una posa inequivocabilmente sessuale, con tanto di tirata di capelli. È la pubblicità comparsa a un incrocio di viale Forlanini a Milano. Il fatto è stato riportato da Affariitaliani. E la pubblicità a luci rosse sta attirando l'attenzione di passanti e residenti.

Lo stesso cartellone era apparso nei giorni scorsi a Napoli, davanti all'ingresso dell'ospedale pediatrico Santobono-Pausilipon e aveva provocato numerose critiche. Il municipio partenopeo aveva rimosso il cartellone mentre il brand, un marchio di vestiti, aveva pubblicato sulla sua pagina Facebook una nota per scusarsi. Non solo, oltre alle scuse era scattata anche la rimozione di tutti i cartelloni. 

"Ci teniamo però a precisare — avevano scritto nella nota — che in nessun modo la nostra campagna è volta ad offendere minimamente la figura femminile ne tanto meno a sminuirla. Il concept del nostro brand – si leggeva su Facebook – è incentrato quasi interamente sulla figura della donna forte ed indipendente e che non ha paura di ostentare la sua femminilità. In un mondo in cui ogni giorno ci svegliamo ed apprendiamo purtroppo notizie di femminicidio ed eventi similari la nostra voleva essere una rivolta con l’intento di elogiare la parità dei sessi in modo un po’ estremo forse certo ma pur sempre lecito".

A dicembre 2017 era finita nell'occhio del ciclone Pandora.  L'azienda di gioielli, prima delle festività natalizie, aveva affisso nelle stazioni della metropolitana una pubblicità sessita: "Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora", recitava la réclame che aveva fatto infuriare le milanesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesso sul cartellone pubblicitario: il manifesto "porno" rimosso da Napoli arriva a Milano

MilanoToday è in caricamento